Scoperti dalla Guardia di Finanza due illeciti percettori del reddito di cittadinanza

881

CARINI. I militari della Tenenza di Carini, in esito ad attività di intelligence economico-finanziaria, hanno individuato rispettivamente a Terrasini e Carini, due distinti soggetti percettori illecitamente del Reddito di Cittadinanza.

Nel primo caso F.S. (cl.91), risultata residente a Terrasini, sin dal mese di  aprile del 2020 ha omesso di indicare nella prescritta richiesta inviata all’INPS che il proprio coniuge C.D.L.D. (cl.85), gravato da innumerevoli precedenti penali, tra cui omicidio doloso, spaccio e traffico di sostanze stupefacenti, rapina aggravata, rissa e svariati altri reati, è detenuto presso la casa circondariale di Palermo “Pagliarelli”.

Tenuto conto che tale circostanza costituisce causa ostativa alla concessione del beneficio i finanzieri hanno proceduto a denunciare F.S. alla Procura della Repubblica di Palermo per le violazioni previste dagli artt. 3 e 7 del D.L. 4/2019 e, contestualmente, hanno sottoposto a sequestro preventivo la “Card reddito di cittadinanza” nonché a segnalare l’indebita percettrice al locale Ufficio I.N.P.S. per l’irrogazione delle sanzioni amministrative di revoca/decadenza del beneficio e per il recupero coattivo della somma già indebitamente percepita, pari ad € 11.897,22.

Nel secondo caso i militari della Tenenza di Carini, dopo una mirata attività info-investigativa che ha riguardato mirati appostamenti e pedinamenti svolti tra Carini e Palermo, hanno accertato che l’indebito percettore di R.d.C., C.M. (cl.73) svolgeva, già dal mese di febbraio del c.a., l’attività di autotrasportatore in qualità di dipendente in “nero” per conto della ditta risultata intestata al fratello C.S.(cl.72).

Anche in questo caso tale circostanza costituisce causa ostativa alla concessione del beneficio e per tale motivo si è proceduto alla denuncia a piede libero di C.M. per le violazioni previste dagli artt. 3 e 7 del D.L. 4/2019 ed al contestuale sequestro preventivo della “Card reddito di cittadinanza” nonché a segnalare l’indebito percettore al locale ufficio I.N.P.S. per l’irrogazione delle sanzioni amministrative di revoca/decadenza del beneficio e per il recupero coattivo della somma indebitamente percepita, pari ad € 16.640,00.

L’attività di servizio conferma il ruolo di polizia economico-finanziaria affidato al Corpo della Guardia di Finanza, a contrasto di coloro i quali, accedendo indebitamente a prestazioni assistenziali erogate dallo Stato, sottraggono importanti risorse economiche destinate a favore di persone e famiglie che si trovano effettivamente in condizioni di disagio.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteCastellammare, “progetto per potenziare la videosorveglianza urbana in centro ed in periferia”
Articolo successivoBase Riformista Trapani: “Ancora molte le criticità della sanità siciliana”