Un defibrillatore al Comune in memoria del farmacista Maurizio Bongiovanni

880

Sarà posizionato alla spiaggia Playa, all’ingresso del lido “Darsena, spiaggia senza barriere” accessibile ai disabili. Il sindaco Rizzo: “Un gesto di sensibilità e generosità: proprio quello che caratterizzava Maurizio”

Un defibrillatore donato al Comune in memoria del farmacista Maurizio Bongiovanni, morto a 35 anni per un tumore. Il defibrillatore sarà posizionato alla spiaggia Playa, all’ingresso del lido “Darsena, spiaggia senza barriere” che garantisce l’accesso ai disabili.

I familiari di Maurizio Bongiovanni ed il farmacista Giuseppe Fanara, in rappresentanza degli amici che hanno raccolto i fondi con una cena di beneficenza, hanno consegnato ieri mattina il defibrillatore al sindaco Nicolò Rizzo, presente anche l’assessore Leonardo D’Angelo, ed i titolari del lido “Darsena, spiaggia senza barriere”.

Il farmacista Maurizio Bongiovanni, per il suo altruismo e la sua disponibilità è ricordato con affetto dai tanti amici con i quali aveva intrapreso più iniziative di beneficenza, proseguite dal papà Salvatore e dalla mamma Caterina, dai fratelli Giuseppe e Matteo che annualmente organizzano incontri informativi e di prevenzione oncologica con esperti, ed attività di  beneficenza che, oltre al defibrillatore consegnato adesso al Comune, hanno già permesso di donare tre poltrone per l’infusione chemioterapica all’ospedale civico di Palermo.

“A nome della città ringraziamo familiari ed amici di Maurizio Bongiovanni per il gesto di utilità sociale, cioè la donazione di uno strumento salvavita qual è il defibrillatore -dice il sindaco Nicolò Rizzo-. Un gesto di sensibilità e generosità, proprio quello che caratterizzava Maurizio Bongiovanni che aveva avviato più iniziative benefiche proseguite dalla famiglia e dagli amici che ci hanno consegnato il defibrillatore che sarà posto alla spiaggia Playa, in un’area di accesso ai disabili. In città ci sono già altri di questi importantissimi strumenti che danno la possibilità di salvare vite umane con un tempestivo intervento in caso di arresto cardiaco come è ad esempio avvenuto questa estate. Apprezzabili atti di solidarietà della comunità castellammarese, sempre attenta al prossimo – conclude il sindaco Nicolò Rizzo-.  come sta dimostrando in questo periodo particolarmente difficile”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteMassoneria: loggia occulta Castelvetrano, chiesto processo per 19
Articolo successivoOperazioni di screening anticovid organizzate dal Comune di Trapani