Sequestro di beni per un valore pari a circa 200 mila euro ad imprenditore del settore del trattamento rifiuti

1670

Nella mattinata odierna la Tenenza della Guardia di Finanza di Castelvetrano ha eseguito un provvedimento di sequestro per equivalente emesso dal G.l.P. del Tribunale di Marsala nei confronti di un noto imprenditore castelvetranese attivo nel settore del trattamento rifiuti.

L’odierna misura cautelare, con la quale è stato disposto l’immediato vincolo di denaro, conti correnti, autovetture e beni immobili per un valore pari a circa 200 mila euro, trae origine da complesse investigazioni di polizia economico-finanziaria eseguite dalla Tenenza di Castelvetrano, che hanno consentito di accertare l’occultamento e la distruzione da parte del citato imprenditore di molteplici scritture contabili relative alla propria azienda, l’omessa presentazione delle dichiarazioni dei redditi per gli anni 2015 e 2017 e la sottrazione alle casse dell’erario di un valore pari a quello che in data odierna viene sottoposto a sequestro.

Tale soggetto è già stato destinatario, nel decorso mese di maggio, di misure cautelari disposte dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Palermo nell’ambito dell’operazione denominata “Controcorrente”, all’esito della quale la Tenenza di Castelvetrano, a conclusione di complesse e articolate indagini di polizia giudiziaria, accertava l’esistenza di un attivo sodalizio criminale dedito al traffico  illecito di rifiuti, avente proiezioni sull’intero territorio siciliano.

In particolare,ricostruito l’intero circuito illegale, venivano deferiti all’A.G . distrettuale 158 soggetti, sottoponendo a sequestro preventivo società e beni per mezzo milione di euro, nonché applicato nei confronti dell’imprenditore il divieto temporaneo di svolgere attività d’impresa e ricoprire cariche direttive presso soggetti giuridici.

L’operazione odierna, svolta sotto il coordinamento della Procura della Repubblica di Marsala, testimonia l’incessante impegno profuso dal Corpo della Guardia di Finanza nel reprimere ogni genere di traffico illecito, garantendo un trasversale presidio di legalità nell’ambito delle attività economiche  e finanziarie.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteGli aggiornamenti del 30 ottobre sul coronavirus nel trapanese: salgono a 975 i positivi, un decesso in più
Articolo successivoLidia Schillaci torna protagonista di “Tale e quale show”, in onda il venerdì sera su Rai1