UIL al Carcere Minorile di Palermo: “Attenzioni e di azioni di contrasto e protezione verso la Polizia Penitenziaria”

432

“Le carceri minorili sono anch’esse oggetto di grossi è problemi gestionali a causa di una impennata di atti violenti da parte dei detenuti che necessitano interventi e azioni propedeutici per verificare l’efficacia dell’azione dell’Amministrazione”. Queste sono le parole Gioacchino Veneziano che domani 14 ottobre dalla ore 9.30 lo vedrà visitare l’istituto penale per minorenni di Palermo con una delegazioni rappresentanti territoriali
Infatti al netto dell’assordante silenzio da parte del nostro Ministero – dichiara – Veneziano…-, stiamo registrando purtroppo una lentezza nell’affrontare i problemi delle carceri minorili che generano una difficoltà nella gestione del minore detenuto, ed infatti i casi di aggressione sono aumentati vertiginosamente a causa di una sottovalutazione del fenomeno, anche forse perché c’è una legislazione che rende difficile l’azione di contrasto…
In realtà… – espone ancora il Segretario Regionale della UILPA Polizia Penitenziaria della Sicilia …- , oggi il carcere minorile non rinchiude più solo minori, ma l’età dei detenuti si è alzata per effetto di norme che probabilmente non hanno tenuto conto del mixer esplosivo che poi ha prodotto tale scelta…
Appunto – continua Veneziano , gli atti di violenza contro la Polizia Penitenziaria, si scontrano con le difficoltà di governo del problema, poiché spostare un detenuto dalle carceri minorili è davvero un difficile, dando l’impressione di impunità, che alla fine rende impossibile la rieducazione, giacche siamo convinti che il rispetto delle regole deve essere il fulcro della rieducazione, è tutto deve passare sopratutto nel pieno rispetto che la Polizia Penitenziaria deve avere dando più poteri di gestione nell’azione di recupero e di reinserimento, poiché forse negli anni questo principio è svanito probabilmente a causa di politiche non comprese…
Per questo – conclude il Segretario Regionale Veneziano – che domani con la delegazione al mio seguito relazionerò direttamente al Capo del Dipartimento Presidente Gemma Tuccillo , e al Direttore del Centro per la Giustizia Minorile di Palermo D.ssa Rosanna Gallo le reali necessità del personale anche in termini di tutela psicofisica, fermo restando che il dialogo sindacale a livello regionale è iniziato proprio sulla materia delle aggressioni verso il personale, trovando posizioni comuni, aldilà dei differenti ruoli.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteRacket a Borgo Vecchio, Musumeci: “Coraggio dei commercianti rende tutti più liberi”
Articolo successivoCommercianti denunciano il pizzo, Conte: “Sarò a Palermo per incontrarli uno ad uno”. Anche Lamorgese li ringrazia