La “Corsa Rosa” è unica anche grazie al sacrificio dei lavoratori VIDEO

10407

Il sudore dei lavoratori per un Giro d’Italia emozionante

Si parla di ciclisti, campioni e il loro sudore, ma Giro d’Italia significa anche migliaia di lavoratori che lavorano duramente per rendere possibile lo svolgimento in sicurezza della gara e per trasmettere la passione che sta dietro la “Gara Rosa”.

I grandi campioni attirano e affascinano per il loro duro lavoro di preparazione atletica e i tanti chilometri fatti per raggiungere l’obiettivo. I grandi campioni danno emozioni. Tutto questo però è possibile anche grazie a tutti coloro che stanno dietro le quinte: preparatori, giudici di gara, transennisti, operatori tv e tanti altri lavoratori.

Non si può non citare coloro che da giorni corrono come i pazzi per dare la giusta visibilità all’evento e permetteranno il giusto svolgimento, in sicurezza, della “Corsa Rosa”. Tra questi anche appassionati e anche per questo non sentono la stanchezza, ma qualcuno di questi ci confessa: “la stanchezza? La sentiremo tutta appena finirà, ma fino ad allora sarà una corsa senza sosta”, sembra sentir parlare Nibali, il ciclista italiano-siciliano più rappresentativo e questo fa capire come ancora una volta il Giro d’Italia rappresenti l’Italia unita, quella che non si arrende e che lavora duramente: che sia per la vittoria al Giro o per lo stipendio. I lavoratori ancora una volta al centro del successo italiano, quelli sballottati da una città ad un’altra dell’Italia, anche un po’ incazzati, ma credetemi come non capirli: stress e fatica mentale.

Il grande Giro sarà merito anche loro, quelli che rappresentano la concretezza della corsa, senza loro non sarebbe “Grande” e non sarebbe il simbolo di un’Italia che ce la fa, che non si perde in slogan e effetti speciali, ma realizza con il cuore e con la mente per un risultato unico, cioé la “corsa rosa” che si tinge di sentimenti e lavoro, elementi che ne fanno un esempio internazionale di passione e organizzazione.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteIl Giro d’Italia, la cultura dello sport
Articolo successivoLa sirena, il tonno ed il pesce spada.
Eros Bonomo
Eros “Libero” Bonomo, Giornalista siciliano, vive ad Alcamo, il cui lavoro è incentrato su Passione, Rispetto e Indipendenza, così da informare al meglio i cittadini. Grande “divoratore” di Dylan Dog, musica e libri, in particolare di storia politica. Motto: “Non sarai mai solo con la schizofrenia”.