“Un mare di Unione”

313

Palermo: una guida sul corretto uso e per farne anche strumento di inclusione. Iniziativa con l’assessore Paolo Petralia Camassa

Vivere il mare rispettando l’ambiente, garantendone l’uso corretto, fare avvicinare i giovani aiutandoli a crescere ancora di più come cittadini attivi, non solo a terra ma anche in mare. L’iniziativa si è svolta a Palermo. Così ce l’ha illustrata l’assessore Paolo Petralia Camassa. “Un’occasione unica – ci ha spiegato – per vivere il mare da una prospettiva che abbraccia, a 360 gradi, i temi dell’ecologia e della sostenibilità, per educare e stimolare i più giovani al rispetto della natura e all’amore per l’ambiente”. Interessanti i contenuti della rassegna: “essa – ha aggiunto Petralia Camassa – è parte di un più ampio progetto che ambisce alla costruzione di un’imbarcazione accessibile a tutti, su cui le persone diversamente abili potranno navigare e vivere il mare senza ostacoli o barriere, in piena libertà”. Infine, il mare come guida e come strumento di inclusione.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteGli aggiornamenti del 22 Settembre sul coronavirus nel trapanese: 292 i positivi
Articolo successivo“Riportate a casa in nostri amici, padri, figli, mariti, uomini di mare, pescatori italiani. Conte, Di Maio non lasciateci soli”