Fratelli d’Italia: “da Abate solo gravi accuse personalistiche”. D’Aguanno presenta Interpellanza sulla ZTLlitica

1911

CASTELLAMMARE DEL GOLFO. Interpellanza del Consigliere Comunale Giovanni D’Aguanno sulla ZTL, che nella stessa riprende anche la questione legata al botta e risposta con l’Assessore Vincenzo Abate, in particolare: “prendendo spunto dal comunicato stampa del 31 luglio 2020 del circolo comunale di Fratelli d’Italia di Castellammare del Golfo, in cui viene messa in evidenza l’inadeguatezza a ricoprire il ruolo di assessore alla viabilità di Abate Vincenzo, non di certo per la città di residenza, ma per le lacune amministrative che lo stesso dimostra di avere in merito alla questione ZTL”.

Un concetto che è stato rimarcato in un comunicato congiunto di Laura Ancona e lo stesso D’Aguanno, che appunto fa riferimento alla nota-risposta dell’Assessore Vincenzo Abate (Abate: “Io mi spendo ogni giorno per il territorio di Castellammare del Golfo. Altri insistono con l’odiosa e squallida “intolleranza territoriale””).

“Tali gravissime accuse – continuano Ancona e D’Aguanno – , manifestamente false ed oggetto di sua mera e banale invenzione, offendono sia la città di Castellammare sia la città di Alcamo”. Nello stesso comunicato si fa riferimento alla presentazione dell’interpellanza*.

“A noi interessa parlare di politica, di trasparenza ed efficienza amministrativa, temi che evidentemente questa amministrazione non intende trattare, cercando di spostare l’attenzione su argomenti surreali e continuando sulla scia dei tanti proclami e nulli risultati” concludono Ancona e D’Aguanno.

Dopo la diatriba torniamo al contenuto dell’Interpellanza andando alle premesse poste da D’Aguanno:
– ancora una volta oggetto del dibattito la questione sull’attuazione della ZTL e sul modus operandi dell’Amministrazione comunale, che lascia molto spazio all’improvvisazione e poco
all’organizzazione sistematica;
– abbiamo atteso l’avvio delle zone a traffico limitato e volevamo, come scritto nel comunicato citato in epigrafe da Fratelli d’Italia, che la questione fosse discussa negli ambienti politici preposti quale il consiglio comunale;
– non si tratta di una nuova richiesta considerato che lo scorso anno il sottoscritto consigliere comunale ha lamentato il metodo utilizzato dalla giunta perché bypassava la questione al consiglio comunale;
– con deliberazione di giunta n.130 del 24 luglio 2020, la giunta da mandato al responsabile del V Settore, nonché comandante della P.M. Busi Osvaldo, di elaborare l’ordinanza per la regolamentazione della zona a traffico limitato;

Pertanto si interpella il Sindaco per conoscere:

⮚ la data di pubblicazione dell’ordinanza obbligatoria, che dovrebbe essere elaborata sulla base della deliberazione di giunta n.130 del 24.07.2020, per la viabilità in merito la istituzione della ZTL;
⮚ come saranno impiegati i nostri vigili urbani per il controllo del territorio, quante ore lavorative settimanali dovranno svolgere e se le ore notturne saranno considerate come straordinario;
⮚ dove sono collocati i segnali agli accessi dei quartieri che indica la ZTL e che dovrebbero essere installati almeno 48 ore prima dell’inizio della predetta area;
⮚ il motivo dell’impiego di una associazione alle transenne per controllare gli accessi alle aree pedonali e se la predetta associazione ha regolare convenzione con il nostro ente per il
controllo della viabilità, dell’ordine pubblico e quale data riporta;
⮚ il motivo per cui è stato escluso un servizio fondamentale, quale il bus navetta, che facilita il raggiungimento dei cittadini al centro storico.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteTrapani. Controlli all’insegna di un’estate sicura
Articolo successivoUn nuovo Test rapido per la ricerca dell’antigene Sars-Cov2 è disponibile in tutti i Laboratori d’analisi dei presidi ospedalieri aziendali del territorio trapanese.