Eletta la presidente della commissione pari opportunità: è Luisa Bambina, dell’associazione “Fiore Daphne”

1516

Eletta la presidente della commissione comunale per le pari opportunità: si tratta di Luisa Bambina laureata in scienze dell’educazione, attivista per i diritti civili da 20 anni, fondatrice e presidente uscente dell’associazione Fiore Daphne.

Vicepresidentessa della commissione e responsabile dello sportello antiviolenza è Mariella Marraccino dell’associazione “Insieme si può”, segretaria è stata nominata Rosa Fundarò dell’associazione  “Genitori di buona volontà”.

La nuova presidentessa della commissione che si propone la promozione e la realizzazione di pari opportunità tra uomo e donna “nella partecipazione alla realtà sociale, alla vita politica, economica, culturale, delle istituzioni e la valorizzazione delle differenze di genere”, è stata eletta all’unanimità dei componenti dopo l’insediamento della commissione avvenuto a fine anno.

Le cariche sono state distribuite adesso a causa del periodo di fermo per l’emergenza coronavirus.

Della commissione sono componenti singoli e  rappresentanti di associazioni quali “Insieme si può”, “Fiore Daphne”, Cif, “Genitori di Buona Volontà”, “Contaminazioni”, “Trinart”, “Cambiamenti” e “Centro culturale Peppino Caleca”.

Sono componenti di diritto, come da regolamento approvato lo scorso anno,  il sindaco Nicolò Rizzo, l’assessore alle pari opportunità Enza Ligotti, i consiglieri comunali eletti Giusy Corbo e Giovanni D’Aguanno e l’assistente sociale comunale Daniela Impellizzeri

La neo presidentessa Luisa Bambina si occupa di pari opportunità da tempo ed all’atto dell’insediamento ha affermato:

«Sono felice ed onorata per questo ruolo e di fare squadra con gli altri componenti con i quali mi impegnerò per rendere di nuovo attiva e produttiva la commissione, rimasta  ferma per troppi anni. Dobbiamo ricominciare con quanto già iniziato come lo sportello anti violenza, e ampliare e migliorare le attività. Adesso è ora di lavorare»

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteNido di tartaruga ad Alcamo Marina: un miracolo della natura da salvaguardare
Articolo successivoMazara, sospetti di corruzione