Mazara, continuava a spacciare nonostante i domiciliari: arrestato

457

MAZARA DEL VALLO. Nella giornata di ieri, 8 maggio 2020, i Carabinieri della Compagnia di Mazara del Vallo, nel corso di una dedicata attività di polizia giudiziaria finalizzata al contrasto del fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti, hanno tratto in arresto Barbera Antonino, mazarese, cl.62, già sottoposto agli arresti domiciliari.

L’operazione antidroga, condotta dal Comandante del Nucleo Operativo e Radiomobile – Capitano Marco Colella, a cui hanno partecipato i Carabinieri delle Stazioni di Mazara, Mazara 2 e della Sezione Radiomobile, si inquadra in una più ampia attività di contrasto e repressione dello spaccio di sostanze stupefacenti che affligge il difficile quartiere di Mazara 2.

Nel caso specifico, tale positivo risultato è stato raggiunto grazie allo sforzo prolungato dei militari operanti che per più giorni e in condizioni ambientali difficili, hanno osservato i movimenti sul territorio, individuato assuntori e localizzato il relativo spacciatore che è stato immediatamente sottoposto a perquisizione personale e domiciliare.

L’ipotesi investigativa ha trovato i necessari riscontri nel sequestro 9 grammi di sostanza stupefacente del tipo crack già suddivisa in dosi, 9,5 grammi del tipo cocaina, 15 grammi di sostanza da taglio del tipo mannite, 1 bilancino di precisione e materiale vario per il confezionamento delle dosi. L’uomo è stato trovato in possesso anche della somma circa 800,00 euro suddivise in banconote di vario taglio e verosimilmente provento dell’attività di spaccio, a dimostrazione che il Barbera non deteneva tali sostanze per un uso personale. Lo stesso, al termine delle formalità di rito, è stato dichiarato in stato di arresto e sottoposto agli arresti domiciliari in attesa del giudizio direttissimo, così come disposto dalla competente Autorità Giudiziaria, mentre il denaro è stato sottoposto a sequestro unitamente allo stupefacente rinvenuto. Nella stessa giornata, i Carabinieri hanno controllato anche un giovane campobellese trovato in possesso di una dose di crack, che è stato segnalato alla Prefettura in qualità di assuntore.

I risultati oggi conseguiti dimostrano ancora una volta quanto sia intenso l’impegno profuso quotidianamente dall’Arma per garantire la pacifica e serena convivenza a tutta la cittadinanza senza mai farle mancare la propria vicinanza.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteMazara, la Polizia arresta giovane per spaccio di droga
Articolo successivoCoronavirus: Fase 2, dal 18 maggio riaprono Centri socio sanitari