Coronavirus, misure per chi non è positivo al tampone o in quarantena: mascherine e guanti smaltiti nei rifiuti indifferenziati

927

Utilizzare due sacchetti uno dentro l’altro e non pressarli. Ad aprile nessuna modifica al calendario rifiuti in vigore. Mercoledì e venerdì indifferenziata. Lunedì e sabato raccolta dell’organico  

CASTELLAMMARE DEL GOLFO. Per l’emergenza coronavirus ad aprile non ci saranno modifiche al calendario di raccolta dei rifiuti che per le prossime settimane prosegue secondo le modalità previste fino ad oggi. “Manteniamo il calendario di raccolta dei rifiuti in vigore -spiegano il sindaco Nicola Rizzo e l’assessore all’Ambiente Vincenzo Abate-. Occorre smaltire i rifiuti come da procedure già in atto, esponendoli fuori dalla propria abitazione negli apposti contenitori, o gettandoli nei cassonetti ma, in considerazione dell’emergenza coronavirus, invitiamo i cittadini a osservare alcune misure previste a scopo cautelativo  in abitazioni dove non soggiornano soggetti positivi al tampone in isolamento o in quarantena obbligatoria”.

Precisamente:
-Fazzoletti, rotoli di carta, mascherine e guanti utilizzati dovranno essere smaltiti nei rifiuti indifferenziati.
-Utilizzare almeno due sacchetti uno dentro l’altro
-Chiudere i sacchetti utilizzando guanti monouso, senza schiacciarli con le mani, utilizzando legacci o il nastro adesivo.

L’organico è raccolto il lunedì ed il sabato. I rifiuti indifferenziati il mercoledì e venerdì, la raccolta della plastica il lunedì pomeriggio, della carta il mercoledì pomeriggio, di vetro e lattine il venerdì pomeriggio a settimane alterne, a cura della ditta Agesp che si occupa dei rifiuti in città. La raccolta dell’organico del giovedì rimane sospesa fino alla riapertura dell’impianto di Raco

Per le persone in quarantena o positive al tampone “è stata attivata una specifica raccolta -spiegano il sindaco Nicolò Rizzo e l’assessore all’Ambiente Vincenzo Abate- secondo le linee guida previste dall’istituto Superiore di Sanità”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteCoronavirus, il Comune di Salemi chiede lo stato di calamità: “Servono interventi per imprese e fasce deboli”
Articolo successivoSalemi, Carabinieri in prima linea per contrastare l’emergenza sanitaria