Questione “Allmayer”. Titola e Coppola: “Convocare un consiglio comunale aperto”

751

Questione Allmayer, si susseguono prese di posizioni a livello locale, regionale e nazionale. A Castellammare del Golfo due consiglieri di Castellammare 2.0 chiedono anche un Consiglio Comunale “Aperto”

CASTELLAMMARE DEL GOLFO. I Consiglieri Comunali, Marilena Titola e Nicola Coppola del gruppo consiliare Castellammare 2.0, in riferimento al trasferimento dell’istituto Vito Fazio Allmayer  nei locali dell’istituto Mattarella Dolci sito in Alcamo, che conta quasi 400 alunni, hanno presentato un’interrogazione, per mettere in evidenza che tale situazione potrebbe portare a gravi disagi per i ragazzi nel raggiungere la sede, specialmente per quelli che provengono da comuni del palermitano. Inoltre a Castellammare, affermano i consiglieri, “non si individua alcuna sede idonea ad accogliere la menzionata e numerosa scolaresca tenuto anche conto che la stessa svolge molte attività laboratoriali le quali non potrebbero essere svolte in altra sede per mancanza di spazi e di attrezzature adeguate.

Pertanto nell’interrogazione chiedono al Sindaco “di volersi attivare immediatamente al fine di intraprendere tutte le iniziative opportune a scongiurare il temuto “sfratto” ed al Presidente del Consiglio si chiede di volere convocare un consiglio comunale aperto invitando il Sindaco di Alcamo, il Dr. Cerami, i dirigenti scolastici delle scuole coinvolte, genitori ed alunni interessati al fine di trovare soluzioni  condivise”.

Batti e ribatti sull’Allmayer. La soluzione? Quali i tempi?

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteMozia, la Regione riqualifica lo storico imbarcadero dello Stagnone
Articolo successivoCastellammare, riprende domani la raccolta dell’organico
Eros Bonomo
Eros “Libero” Bonomo, Giornalista siciliano, vive ad Alcamo, il cui lavoro è incentrato su Passione, Rispetto e Indipendenza, così da informare al meglio i cittadini. Grande “divoratore” di Dylan Dog, musica e libri, in particolare di storia politica. Motto: “Non sarai mai solo con la schizofrenia”.