Castellammare, randagismo “costa troppo”, atto di indirizzo dalla minoranza

604

CASTELLAMMARE DEL GOLFO. I costi per far fronte all’emergenza randagismo sono sempre stati un macigno per le casse comunali, e oggi, come scrivono in un atto di indirizzo i Consiglieri di minoranza del gruppo “Castellammare 2.0” sono diventati una spesa “eccessiva per il nostro comune”.

“Visto i 295 cani a carico del nostro comune di Castellammare del Golfo e dislocati, al 31.12.2019 nei canili: 174 animali di specie canina al canile di Isnello; 72 animali di specie canina al canile di Santa Ninfa, assegnati nell’anno 2018; 49 animali di specie canina al canile di Crotone “Mister Dog”, trasferiti presso la medesima struttura negli anni dal 2008 al 2016. Considerato che il nostro ente, – scrivono i consiglieri di minoranza –  spende quotidianamente per il mantenimento dei nostri cani dislocati nei tre canili, una spesa giornaliera di circa €1.180,00; tali somme sostenute e da sostenere risultano eccessive per un comune come il nostro, di circa 15.000 abitanti; nell’interesse collettivo abbiamo il dovere politico e morale di attivarci affinché si possano trovare risorse e/o soluzioni per ridurre questa spesa quasi insostenibile; la commissione consiliare II ha invitato in audizione il Comandante della P.M. Dott. Osvaldo Busi per valutare il percorso di ricovero; solo nel mese di gennaio 2020 sono stati ricoverati altri 20 cuccioli; il progetto di costruzione del canile comunale non risulta attivato. Chiediamo al Consiglio Comunale di: affiancare il Comandante di P.M. per verificare lo stato di salute dei nostri randagi dislocati nei vari canili; chiedere, tramite documento del C.C. l’intervento economico da parte dell’Assessorato Regionale alla Salute, tramite ASP Provinciale di Trapani, per effettuare la sterilizzazione gratuita di animali di piccola taglia, cani e gatti, anche di privati cittadini; dare mandato al Comandante della P.M. dott. Busi per il censimento, anche tramite autodichiarazione dei proprietari allegando il numero di chip dell’amico a quattro zampe, di tutti i cani e gatti presenti nel nostro territorio comunale; di istituire – concludono – una Commissione Comunale Speciale per fronteggiare l’emergenza randagismo”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteElezioni amministrative, in Sicilia 61 Comuni al voto il 24 maggio
Articolo successivoLa tensostruttura Palaverga, un “simbolo” dello sport alcamese