“Il delitto Mattarella”, il regista Aurelio Grimaldi incontra gli studenti di Castellammare. VIDEO

659

CASTELLAMMARE DEL GOLFO.  Aurelio Grimaldi, regista del film “Il delitto Mattarella”, ha incontrato venerdì mattina gli studenti delle scuole castellammaresi all’istituto superiore Mattarella –  Dolci. Presenti il professore Salvatore La Rosa, il sindaco Nicola Rizzo, l’assessore alla Pubblica Istruzione Enza Ligotti, il consigliere comunale Giovanni Portuesi, la dirigente dell´istituto Mattarella- Dolci, Stella Bica, la dirigente dell’istituto comprensivo Pitrè -Manzoni, Grazia Sabella, ed il dirigente dell’istituto comprensivo Pascoli -Pirandello, Salvatore Tinnirello.

L’incontro rientra nel percorso di recupero della memoria previsto dall’amministrazione comunale nel quarantennale dell’assassinio di Piersanti Mattarella.

“Abbiamo voluto portare avanti questo percorso di memoria perché si stava rischiando di perderla. – ha affermato il consigliere comunale Giovanni Portuesi – Abbiamo deciso di chiamre il premio della legalità “le carte in regola” perché non si tratta soltanto di una frase di Piersanti, ma soprattutto perché è una massima di vita, per chi amministra la cosa pubblica, ma anche per tutti i cittadini.  Avere le carte in regola vuol dire essere a posto con la propria coscienza, con la propria morale, e soprattutto avere una coscienza dei proprio diritti e dei propri doveri. “

Il regista Aurelio Grimaldi, che ha mostrato alcuni estratti del film in lavorazione, ha sottolineato che “sono state tante le qualità umane e professionali di Piersanti Mattarella, e nel film sono uscite fuori. Ricordatevi che senza regole, memoria e idee non andiamo da nessuna parte. Per questo mi auguro che la figura di Piersanti sia per voi di ispirazione per affrontare il futuro, soprattutto per non commettere alcuni errori del passato. ”

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteRacconti migranti/14. La storia di Modibo: “In Libia ci hanno sparato addosso, sono vivo per miracolo. Il mio sogno? Aprire una pizzeria in Mali”
Articolo successivoVigili del fuoco, addestramento unità cinofile tra i ruderi di Poggioreale