Il sindaco Nicola Rizzo e la giunta hanno incontrato i cittadini al castello: “Informiamo su quanto fatto e quanto intendiamo fare”

1038

 

Un pozzo a Scopello ed uno in città, la manutenzione delle strade interne ed esterne e del verde pubblico, il nuovo servizio rifiuti e la videosorveglianza contemporaneamente all’avvio del centro comunale di raccolta, l’illuminazione, la mobilità sostenibile, il randagismo, progetti per la ristrutturazione di edifici pubblici, potenziamento delle politiche turistiche e destagionalizzazione, la programmazione culturale con enti e fondazioni quali le Orestiadi ed il parco archeologico di Segesta…

Sono alcuni degli aspetti, estremamente riassunti, della programmazione in itinere presentata dal sindaco Nicola Rizzo che, dopo aver parlato di quanto fatto su più settori (acqua, rifiuti, viabilità, porto, depuratore, servizi sociali, turismo, cultura, riorganizzazione degli uffici, scuola, servizi sociali, ambiente,  beni confiscati alla mafia  tra gli argomenti trattati …) nel corso dell’incontro con la cittadinanza al castello arabo normanno, non ha solo tracciato il bilancio di quanto portato avanti ma anche accennato su cosa sta lavorando l’amministrazione comunale.

Circa due ore per una lunga relazione alla presenza del vicesindaco Giuseppe Cruciata, degli assessori Enza Ligotti, Maria Tesè, Vincenzo Abate e Leonardo D’Angelo: al termine lo scambio degli auguri ed il pensiero rivolto anche a chi soffre ed a chi non c’è più…

«Tra le priorità la creazione di  un nuovo pozzo a Scopello ed un altro al servizio del centro per avere 20 litri di acqua al secondo in più che fino ad oggi abbiamo comprato, quindi la manutenzione delle strade interne ed esterne, la pulizia del verde che partirà con il nuovo appalto che si è aggiudicato la ditta Agesp che si occuperà anche delle spiagge –ha detto il sindaco Nicola Rizzo nel corso della relazione fiume-. La videosorveglianza sarà affidata ad una ditta esterna per avere garanzia di funzionamento e monitoraggio con il controllo sanzionatorio approvato dal consiglio comunale riguardante il relativo regolamento. Ma abbiamo avviato anche progetti per la mobilità sostenibile, percorsi di destagionalizzazione turistica ed un protocollo con l’Esa».

Quindi le progettualità a lunga scadenza:

 «Abbiamo siglato un protocollo con l’Università che intende creare a Castellammare un polo di ricerca sull’oncologia con fondi europei, quindi progetti, come Urban per rivalutare edifici in degrado –ha fatto presente il sindaco Nicola Rizzo – come l’ex macello e l’ex pretura per realizzarvi il museo dei diritti umani ed un polo di produzione cinematografica. Abbiamo quindi messo mano al piano regolatore generale e potenzieremo l’ufficio di piano confrontandoci con i cittadini. Vogliamo pensare ad alti livelli dal punto di vista turistico e per capire che tipo di piano e politiche turistiche portare avanti, come abbiamo discusso di recente in consiglio comunale con il presidente di Airgest Salvatore Ombra, ci confronteremo con cittadini ed associazioni di categoria  creando vari tavoli di confronto. Ricordo che per la tassa di soggiorno abbiamo investito sul recupero del sommerso passando da ottanta strutture dichiarate ad oltre 1300 con delle corpose cifre intercettate che servono per la collettività, in particolare per le politiche turistiche attuabili con la collaborazione delle associazioni del settore alberghiero ricettivo, costruendo assieme percorsi di crescita».

Il sindaco Nicola Rizzo ha poi accennato ad «una collaborazione con il parco archeologico di Segesta e le Orestiadi di Gibellina per una partnership che dia vita ad una programmazione teatrale unica perché il territorio va vissuto in rete ed occorre conoscerlo globalmente per creare interesse, cultura e lavoro».

«Presentato e finanziato il progetto per la scuola Pitrè e siamo riusciti a dirottare sulla palestra Bonanno, che sarà ristrutturata come merita, un finanziamento di 950 mila euro per il campo sportivo Matranga che era già stato sistemato egregiamente dalla precedente amministrazione –ha sottolineato il sindaco Nicola Rizzo-. Quindi i progetti per le strade rurali, 5 dei quali riproposti, per un totale di sette, il potenziamento dell’illuminazione ed altri 7 progetti che riguardano energia,rifiuti,società inclusiva, protezione civile, start up, innovazione e musica,questi ultimi sette per complessivi 4 milioni di euro circa»

Il sindaco Rizzo si è poi soffermato sulla nuova gestione del servizio rifiuti:

«La ditta Agesp si è aggiudicata la gara che prevede un netto cambio: tutto il territorio sarà coperto dalla differenziata e saranno eliminati i cassonetti così da limitare anche discariche. A fine gennaio sarà avviata la distribuzione dei mastelli di colore diverso ed entro marzo si presuppone possa partire il nuovo servizio –ha fatto presente il sindaco Nicola Rizzo-. Stiamo bonificando l’area dove sorgerà il centro comunale di raccolta e dove ogni cittadino potrà scaricare i rifiuti. Importante anche perché fino a 72 ore si potrà stoccare l’organico. Lo sottolineo perché come è noto la mancanza di impianti per il conferimento dell’organico ha causato continui disagi. Al momento possiamo conferire nell’unico impianto disponibile a Catania che ci consente di farlo solo una volta a settimana. Quindi colgo l’occasione per fare presente che al momento l’organico sarà raccolto solamente il giovedì quindi non bisogna esporlo in altre giornate. Stiamo cercando un sito alternativo che ci consenta di raccogliere l’organico per più giornate»

Il sindaco ha anche ricordato le commemorazioni in partenza il sei gennaio per il quarantennale dell’assassinio di Piersanti Mattarella – al quale sarà intitolata l’aula consiliare come stabilito dal consiglio comunale- in un percorso che si concluderà a maggio, nell’anniversario della nascita di Piersanti Mattarella, nato e sepolto a Castellammare.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteL’organico sarà raccolto solo il giovedì
Articolo successivoTorna ad essere fruibile il campetto da tennis della via Giovanni Verga