Un libro dedicato al medico Montalbano

911

Castellammare del Golfo: presentato il lavoro letterario agli studenti del “Mattarella-Dolci”

di Giulia Giacalone

Si è svolta lo scorso venerdì 13 dicembre presso l’Auditorium della sede di Alcamo dell’Istituto Mattarella-Dolci, la presentazione,  del libro “U Dutturi” , dell’ing. Valerio  Montalbano e Mimmo Di Carlo, che ha visto la partecipazione degli alunni delle  IV e V degli indirizzi servizi per l’agricoltura e biotecnologie sanitarie. Il libro che si presenta sotto forma di romanzo, racconta la storia del dr. Giuseppe Montalbano, ufficiale sanitario e medico condotto a Camporeale, ucciso il 18 novembre del 1988, in un agguato mafioso. Un omicidio che inizialmente ha dell’ inspiegabile perché il dr. Montalbano non era un mafioso , non era un criminale ma era un medico di paese stimato ed apprezzato che non accettava la prepotenza di chi mafioso lo era veramente. Solo dopo tanti anni , grazie alle rivelazioni di un mafioso diventato “collaboratore di giustizia”, venne fuori la verità: il medico fu ucciso dai killer appartenenti alla cosca dei  “Corleonesi”, che dagli anni ’80 avevano preso  il controllo di Camporeale. Il movente era da collegare alla circostanza della estrema fiducia e considerazione godute dal dott. Montalbano da parte dei cittadini camporealesi, loro si fidavano e si affidavano a lui, diventato per questo un avversario dei mafiosi che si sentirono disturbati nel loro fine di controllare il territorio imponendo piena illegalità. Gli studenti presenti hanno seguito con vivido interesse il racconto del figlio del dott. Montalbano  e autore del libro, Valerio Montalbano. Per ricordare il dott. Montalbano, ogni anno viene istituita una borsa di studio per gli alunni della Scuola Media di Camporeale, i quali hanno fatto costruire una grande croce nel luogo dove è avvenuto l’agguato ed ora con questo libro uno dei figli , Valerio, rende testimonianza di chi era suo padre.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteCompensi camuffati da “rimborsi spese” per i soci volontari di una onlus. In 11 percepivano anche il reddito di cittadinanza
Articolo successivoMozione per intensificare i controlli per la salvaguardia dei beni confiscati