Castellammare, insediata la commissione pari opportunità

1018

Il sindaco e l’assessore: “Certi che i componenti sapranno fare squadra coinvolgendo anche gli uomini, per superare gli stereotipi di genere”

CASTELLAMMARE DEL GOLFO. Seduta di insediamento della commissione comunale per le pari opportunità: nella sala giunta di palazzo Crociferi si è costituito il gruppo di lavoro tra singoli e rappresentanti delle associazioni che hanno aderito all’iniziativa che si propone la promozione e la realizzazione di pari opportunità tra uomo e donna “nella partecipazione alla realtà sociale, alla vita politica, economica, culturale, delle istituzioni e la valorizzazione delle differenze di genere”

Presenti alla seduta il sindaco Nicola Rizzo, l’assessore alle pari opportunità Enza Ligotti, componenti di diritto, come da regolamento approvato a giugno, con i consiglieri comunali eletti Giusy Corbo e Giovanni D’Aguanno e l’assistente sociale comunale Daniela Impellizzeri

Il gruppo, che nella prossima seduta eleggerà il presidente,  è stato costituito da singoli e rappresentanti di associazioni quali “Insieme si può”, “Fiore Daphne”, Cif, “Genitori di Buona Volontà”, “Contaminazioni”, “Trinart”, “Cambiamenti” e “Centro culturale Peppino Caleca”.

“Primo incontro molto positivo e propositivo: abbiamo condiviso i principali punti sui quali concentrare l’attenzione del gruppo appena costituitosi. Auguriamo buon lavoro all’importante commissione certi che i componenti sapranno fare squadra per lavorare ed incidere con iniziative che -affermano il sindaco Nicola Rizzo e l’assessore Enza Ligotti- portino al superamento degli stereotipi di genere, alla base di violenza e sopraffazione, coinvolgendo anche gli uomini. Da parte nostra supporteremo le iniziative della commissione che per la nostra giunta, ed anche per il consiglio comunale, è un importante organismo consultivo e propositivo che esercita le sue funzioni in autonomia”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteLe verità in… “Movimento”
Articolo successivoContrasto della criminalità predatoria, agli arresti domiciliari un pluripregiudicato