“Domeniche al museo”, giornata di ingresso gratuito al Museo Pepoli di Trapani

996

TRAPANI. Nell’ambito della manifestazione “Domeniche al Museo” promossa dal Mibact,  domenica 3 novembre il Museo “A. Pepoli” garantirà al pubblico l’accesso gratuito. Considerata la notevole affluenza registrata nei mesi scorsi in occasione della medesima iniziativa, al fine di tutelare la sicurezza dei beni esposti e di assicurare una visita il più possibile piacevole, associata ad una adeguata fruizione delle opere, l’ingresso sarà disciplinato come di seguito indicato.

Potrà accedere al museo un numero di visitatori non superiore alle 150 unità per volta e la visita potrà avere una durata massima di un’ora e mezza. L’accesso sarà garantito esclusivamente negli orari sotto indicati:

  • primo ingresso ore 9,00;
  • secondo ingresso ore 10,30;
  • terzo ingresso ore 12,00;
  • quarto ingresso ore 13,30;
  • quinto ingresso ore 15,00;
  • sesto ingresso ore 16,30.

L’orario di apertura si protrarrà eccezionalmente sino alle ore 18,00. Per godere della priorità il visitatore dovrà prenotarsi, inoltrando una email, entro e non oltre sabato 2 novembre alle ore 14,00, al seguente indirizzo: museo.pepoli@regione.sicilia.it, indicando l’orario di ingresso prescelto. I visitatori con prenotazione saranno inseriti in appositi elenchi nominativi e avranno priorità di accesso rispetto ai visitatori non prenotati. Questi ultimi potranno avere accesso alla specifica fascia oraria fino al raggiungimento del numero massimo di visitatori prefissato (150).

L’accesso alle sale della mostra “Il ritratto nel Novecento”, come comunica il Direttore Roberto Garufi,  sarà concesso tassativamente a non più di 25 visitatori per volta, che potranno sostarvi non più di 15 minuti. Eventuali visite guidate alla mostra saranno consentite, ma non potranno superare la durata di 15 minuti e i relativi gruppi non potranno superare le 25 unità.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteFinisce con un pareggio il derby tra Alqamah e Sporting
Articolo successivo“Re Minore” di Ferlito. La Sicilia tra conservazione e innovazione (VIDEO e FOTO)