“Branco” all’assalto di un sacerdote

1820

Mazara: i ragazzi rimproverati hanno reso malconci un sacerdote e il fratello

Non è piaciuto loro l’invito a non fare schiamazzi per strada considerata anche l’ora tarda, e così non hanno perso tempo ad aggredire e mandare all’ospedale chi si era permesso di fare loro quella semplice richiesta. Accade a Mazara del Vallo, vittime di quello che sembra essere un vero e proprio “branco” di sciagurati ragazzi,tra i 12 e i 15 anni, sono stati un sacerdote, don Antonino Favata, e suo fratello. Don Favata è anche cappellano presso l’ospedale mazarese “Abele Ajello”. Ai ragazzi era stato chiesto “andare via perché’ facevano schiamazzi”. La loro reazione è stata pesante, dapprima hanno assalito il fratello del sacerdote e poi lo stesso prete uscito da casa per cercare di sedare la rissa. Quello che è successo lo racconta lo stesso prete che ha pubblicato una nota sul suo profilo Facebook: “Un gruppo di 12-15 enni, dopo essere stati invitati ad andare via perché’ facevano schiamazzi ed altro, aggrediscono mio fratello pestandolo in maniera feroce e continua, scaraventandolo a terra. Mi precipito fuori per sedare la rissa ma nel frattempo il branco aveva chiamato aiuto, in circa 15 ragazzi hanno continuato a prendere a calci e pugni mio fratello e me in maniera feroce ed incontrollata”. Sull’episodio indagano i carabinieri della compagnia di che da ieri – dopo l’intervento sul luogo – sono al lavoro per identificare alcuni dei responsabili dell’episodio.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteQuattro nuovi ufficiali per Comando provinciale dei Carabinieri Trapani
Articolo successivoA Salemi la vendemmia sul vigneto confiscato alla mafia
Rino Giacalone
Rino Giacalone, direttore responsabile e cronista di periferia. Vive nel capoluogo trapanese sin dalla sua nascita. Penna instancabile al servizio del territorio e alla ricerca della verità.