Castellammare, al via il rifacimento della segnaletica orizzontale: “Tornano le strisce pedonali in città”

965
Via Kennedy, plesso Pitrè

CASTELLAMMARE DEL GOLFO. Dopo le numerose segnalazioni giunte alla nostra redazione nei mesi scorsi, l’Assessore alla Viabilità Giacomo Frazzitta aveva annunciato ad Alqamah.it l’avvio del rifacimento della segnaletica orizzontale ormai inesistente da parecchi anni.  Il Comandante della Polizia Municipale Giuseppe Giordano ha avviato il rifacimento della segnaletica orizzontale per un totale di 550 metri quadri in molte zone della città mediante vernice rifrangente di colore bianco secondo le prescrizioni regolamentari.

Sollevati i tanti genitori che ad Alqamah.it lamentavano la pericolosità degli attraversamenti pedonali soprattutto nei pressi delle scuole. “Tornano le strisce pedonali a Castellammare? Era ora, da anni la situazione degli attraversamenti pedonali era davvero pericolosa. Siamo felici di questa notizia” – affermano soddisfatte alcune mamme.

Sulla segnaletica orizzontale anche il gruppo consiliare di minoranza ha presentato nelle scorse settimane una interpellanza a cui l’Amministrazione Comunale ha risposto durante l’ultimo consiglio comunale, spiegando che gli interventi hanno subito diversi rinvii a causa del maltempo. Ma a breve partiranno i lavori sia per le strisce pedonali che per la segnaletica orizzontale nei pressi della seconda rotonda di Viale Umberto I.

I lavori sono stati affidati alla ditta Buscemi Giovanni di Castellammare per un importo complessivo di 4 mila e 900 euro. L’importo della spesa rientra all’interno del limite previsto dal regolamento Comunale entro cui si può procedere tramite affidamento diretto.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteL’ Europee ad Alcamo sanciscono la nascita di Fratelli d’Italia in città
Articolo successivoCensura a Riscossione Sicilia
Emanuel Butticè
Emanuel Butticè. Castellammarese classe 1991, giornalista pubblicista. Laureato in Scienze della Comunicazione per i Media e le Istituzioni all’Università degli Studi di Palermo con una tesi sul rapporto tra “mafia e Chiesa”. Ama viaggiare ma resta aggrappato alla Sicilia con le unghie e con i denti perché convinto che sia più coraggioso restare.