Solidarietà a Chiara

1183

Documento del coordinamento provinciale di Libera a Trapani dopo l’intimidazione commessa contro un’attivista a Palermo

Il coordinamento provinciale di Libera ha diffuso il seguente documento.
Ad un anno di distanza dalle scritte minacciose comparse a Palermo contro don Luigi Ciotti, puntualmente all’indomani della manifestazione del 21 marzo dedicata a tutte le vittime innocenti delle mafie, la criminalità mafiosa si fa sentire stavolta con una pesante intimidazione incendiaria contro una delle più giovani attiviste del movimento di Libera a Palermo. Nel manifestare la nostra vicinanza e solidarietà a Chiara non possiamo non ribadire ad alta voce che il cammino intrapreso sul percorso del riscatto da mafie e malaffare  non  potrà mai interrompesi. Noi oggi continuiamo, c’è una società civile, fatta di tanti giovani ma non solo,  che ad alta voce grida il suo No alle mafie , lo abbiamo visto pochi giorni or sono a Trapani , Castellammare,Favignana, dove c’è stata una straordinaria partecipazione volontaria ai cortei del 21 marzo. C’è in questa società civile tanta gente che vorrebbe gridare ma non ha voce. Noi di Libera siamo con loro, affiancando chi si batte contro le mafie e dando voce a chi ha difficoltà a farsi sentire. Questo lavoro suona come una sconfitta di Cosa nostra che ci vorrebbe tutti muti e soggiogati. Noi non ci stiamo, Noi siamo per una Sicilia nostra e non di Cosa nostra.
CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteL’Olimpiade del videogico
Articolo successivoIl saluto del prefetto