Intimidazione a colpi di fucile

1013

Foggia: vittime il presidente di Atisale prof. Giacomo D’Alì e il figlio

Nella serata di mercoledì a Margherita di Savoia ignoti hanno sparato dei colpi di fucile verso il presidente di Atisale Giacomo D’Alì Staiti, noto imprenditore trapanese, mentre era con suo figlio.
LA SOLIDARIETA’. “Esprimo a nome dell’intera FAI CISL di Foggia la più convinta e sentita solidarietà al presidente di Atisale Giacomo D’Alì Staiti e a suo figlio vittime di una intimidazione che non ha nessuna motivazione ammissibile e giustificabile.” Commenta così Lorenzo Di Varsavia, Segretario Generale della FAI CISL di Foggia il grave episodio.
CONDANNA SENZA APPELLO. “Nessuna contrapposizione rispetto a scelte aziendali o manageriali può dettate la violenza – continua Di Varsavia – e la FAI CISL condanna senza appello il clima di tensione e di intimidazione che si è creato intorno alle sorti di una così importante risorsa economica, lavorativa e logistica del territorio del Nord della Puglia.”
RSU AZIENDALE. Attestati di vicinanza sono espressi anche da Nicola Russo, rsu aziendale della FAI Cisl. Come è noto, a salina di Margherita di Savoia garantisce occupazione a 120 dipendenti, da tempo costretti a prestazioni lavorative non serene e con il baratro della perdita del posto di lavoro da scongiurare.
La solidarietà di Sicindustria: Alcuni colpi di pistola sono stati esplosi contro l’auto dell’imprenditore trapanese, Giacomo D’Alì Staiti, al vertice di Sosalt e di Ati Sale, con sedi oltre che in Sicilia, anche in Sardegna e in Puglia. È proprio qui che, mercoledì scorso, mentre stava percorrendo la strada provinciale che collega Barletta con Margherita di Savoia, la sua auto è stata affiancata da un’altra vettura da cui sono partiti alcuni colpi di arma da fuoco. “Siamo vicini al collega e amico Giacomo D’Alì Staiti per l’inquietante vicenda di cui è stato vittima”, afferma il presidente di Sicindustria Trapani, Gregory Bongiorno. “La scelta di fare l’imprenditore – aggiunge Bongiorno – è già difficile a causa dei mille ostacoli che si incontrano quotidianamente. In questo contesto il peso della criminalità organizzata è davvero un fardello che non si può sopportare. Il collega Giacomo D’Alì Staiti, che è anche il vicepresidente di Sicindustria Trapani, oggi si trova ad affrontare un grave attacco intimidatorio, ma potrà contare oltre che sul supporto fondamentale delle forze dell’ordine, anche sulla nostra vicinanza e solidarietà. So bene cosa significhi ribellarsi ai condizionamenti malavitosi e, per questo, saremo al fianco di Giacomo con una determinazione ancora più grande”.
CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedentePastori uniti contro il latte mal pagato (VIDEO e FOTO)
Articolo successivoContrasto allo spaccio di stupefacenti, un arresto e tre denunce