Avvocato sotto processo

4325

Approfittò, spogliandoli di ogni bene, di due anziani che erano affidati alla sua curatela

Approfittò della curatela con la quale aveva affidati due anziani, suoi familiari, sottraendo loro denaro e beni. Contanti per ingenti somme. Questa è l’accusa per l’avvocatessa Tiziana Di Gregorio, 43 anni. Il pm Franco Belvisi a conclusione di indagini condotte dalla sezione di pg della Guardia di Finanza ha chiesto e ottenuto dal giudice delle udienze preliminari Antonio Cavasino per la professionista alcamese. La prima udienza del processo è fissata per l’anno prossimo, il 13 febbraio. L’avv. Di Gregorio risponderà di circonvenzione di incapace e appropriazione indebita. Secondo le indagini delle Fiamme Gialle con artifizi vari, l’avvocato sarebbe riuscita a impossessarsi della proprietà di un immobile a Castellammare del Golfo, nonché di denaro contante e preziosi. Il totale dell’appropriazione secondo quanto dimostrato dalla Procura di Trapani nel suo atto di accusa superano i 160 mila euro. L’avvocato peraltro avrebbe fatto sottoscrivere polizze vita e assicurative agli anziani, indicandosi lei come beneficiaria. Una parte delle somme introitate però nel corso dell’indagine sono state restituite dall’avvocato agli aventi diritto, eredi degli anziani nel frattempo deceduti.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteFazio, terzo rinvio
Articolo successivoAgnello verso Trapani
Rino Giacalone
Rino Giacalone, direttore responsabile e cronista di periferia. Vive nel capoluogo trapanese sin dalla sua nascita. Penna instancabile al servizio del territorio e alla ricerca della verità.