Castellammare, 10 anni per la sezione dell’associazione nazionale paracadutisti

1540

Cerimonia nel 37° Stormo dell’aeroporto di Trapani –Birgi.

CASTELLAMMARE DEL GOLFO. Dieci anni fa nasceva a Castellammare del Golfo la prima sezione di Paracadutismo nel trapanese: cerimonia all’interno del 37° Stormo nell’aeroporto di Trapani –Birgi, e consegna dei brevetti del 27° corso dopo l’attività svolta a luglio nell’aeroporto di Reggio Emilia. Il sindaco Nicola Rizzo ed il vicesindaco Giuseppe Cruciata sono intervenuti alla celebrazione con i tanti soci paracadutisti presenti, militari brevettati e parenti del luogotenente scomparso Alberto Agati, al quale è stata dedicata la celebrazione

“Ringraziamo la sezione di Castellammare dell’associazione nazionale Paracadutisti d’Italia- presieduta dall’istruttore Tommaso Pisciotta- presente da dieci anni nella nostra città, dove ha superato i trecento soci – affermano il sindaco Nicola Rizzo ed il vicesindaco Giuseppe Cruciata-, per le attività portate avanti in questi anni con abnegazione e professionalità, e con la quale auspichiamo una collaborazione duratura”.

“Per i Paracadutisti dei Castellammare è una data importante poiché quando a Roma ci chiesero di formare una scuola a Trapani, il Prefetto ci fece “volare” a Castellammare, città allora commissariata, per dare un forte segnale di legalità con la formazione dei giovani e l’amore per la Patria nel nostro territorio -spiega l’istruttore Tommaso Pisciotta-. Oggi abbiamo 305soci paracadutisti, dei quali 250 brevettati, ma soprattutto abbiamo dato la possibilità a molti di loro di far parte delle forze dell’ordine. La nostra non è solo un’associazione ma una vera famiglia ed è davvero un onore aver creato un “pedana di lancio” lavorativa per tanti giovani, stimolo ed esempio per gli anziani”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteIl vescovo davanti al pm
Articolo successivoIl comandante provinciale dei carabinieri in visita al Comune di Castellammare del Golfo