La Forza delle Donne

1177

Il docu-film dei giornalisti Laura Aprati e Marco Bova premiato al Kalat Nissa Film Fest

Per il giornalista trapanese Marco Bova e per la giornalista abruzzese Laura Aprati ennesimo riconoscimento per la loro attività. All’ottava edizione del Kalat Nissa Film Festival la loro ultima produzione “La forza delle donne” ha ricevuto il premio della miglior regia. Bova si è già fatto conoscere per il docu film “Ciapani”, Laura Aprati, che da anni è firma del contenitore Uno Mattina ma che si è distinta in diversi campi dell’informazione, della comunicazione e della scrittura – con il giornalista Enrico Fierro ha firmato il libro “Malitalia” che poi ha preso anche la forma di un seguitissimo blog – ha già ricevuto numerosi riconoscimenti, proprio per la sua capacità di raccontare i territori non solo italiani ma del mondo. La Forza delle Donne è una delle ultime testimonianze della realtà delle cosiddette periferie del mondo che Bova e Aprati hanno trasformato in un interessante docu film. Questo corto, nei suoi 10 minuti e 49 secondi, lascia spazio a donne di tutto il mondo che affrontano problemi importanti, ma comuni, come fame, perdita di tutto ciò che si ha, le bombe e come la necessità di lasciare la propria terra per cercare un futuro. Sono donne musulmane, yazide, cristiane, siriane, riunite grazie a Rima Karaki, giornalista libanese crescita a Beirut. Proprio in Libano si sono rifugiati palestinesi, siriani e più religioni riescono a convivere. Rima in televisione va in onda senza velo ed è famosa dal momento in cui ha tolto la linea diretta ad uno sceicco che non rispettava la parità di genere. Un viaggio drammatico quanto magico fra donne che migrano e donne che accolgono, uno sguardo su un mondo tutto al femminile dal Kurdistan al Libano, immortalato nel suo vissuto quotidiano della guerra.

https://www.mymovies.it/film/2018/la-forza-delle-donne/trailer/

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteLa nostra Festa della Repubblica
Articolo successivoÈ Vito Lombardo il nuovo assessore della Giunta Surdi