Il  “Coordinamento Salviamo i Boschi” esprime soddisfazione per le iniziative del Prefetto Pellos 

959

TRAPANI. Il Coordinamento Salviamo i Boschi” di Trapani esprime soddisfazione per le iniziative intraprese dal Prefetto di Trapani  Darco Pellos con il quale si congratula per aver portato a compimento quanto prospettato nei mesi invernali dal coordinamento.

“La deterrenza  – spiegano dal Coordinamento – è un fattore fondamentale per evitare che la mano devastante dell’uomo abbia il sopravvento sulla natura ed i protocolli siglati con l’aeronautica militare, il 6° Reggimento dei bersaglieri e gli enti forestali vanno nella giusta direzione.  Anche la Regione ha dato qualche segnale  in merito, annunciando in conferenza stampa la volontà di cambiare passo rispetto allo scorso anno e stralciando dalla Finanziaria i fondi per l’assunzione del personale addetto all’antincendio. Ci auspichiamo che alle parole adesso seguano fatti concreti

e aspettiamo  altri provvedimenti per scongiurare gli incendi che la scorsa stagione hanno devastato il patrimonio boschivo siciliano, quali azioni di coordinamento e predisposizione di piano preventivi di intervento tra gli enti deputati all’antincendio. Chiediamo inoltre che anche i Sindaci dei comuni interessati facciano la loro la parte verificando il rispetto delle ordinanze per la pulizia dei terreni a bordo strada, aggiornando il catasto dei terreni percorsi dalle fiamme e aggiornando le procedure d’emergenza previste dai rispettivi COC. Troppe cose – concludono –  non hanno funzionato nell’azione di prevenzione e spegnimento degli incendi lo scorso anno e la denuncia che ben 10 associazioni hanno presentato alla magistratura ha voluto mettere in evidenza tutte le debolezze del sistema nel tentativo di  individuare eventuali responsabilità oggettive, ma ha voluto anche  essere uno sprone perché tutti, istituzioni e cittadini, quest’anno facciano la propria parte nella lotta contro gli incendi”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteSciopero dei lavoratori portuali della Sicilia
Articolo successivoUltimo atto per il Regolamento sui servizi a pagamento della Polizia Municipale, il Consiglio Comunale approva