Castellammare, la Polizia Municipale “cambia look”: nuovo front office, nuove auto e ciclomotori in strada

6016

CASTELLAMMARE DEL GOLFO. È una vera e propria rivoluzione quella che sta avvenendo all’interno della caserma “Ninni Cassarà” della Polizia Municipale di Castellammare del Golfo. Da mesi infatti è in corso un restyling degli uffici e del front office per il cittadino. Infatti da circa un mese due magazzini abbandonati della caserma sono diventati due stanze in uso alla Polizia Municipale, una è diventata il nuovo front office rivolto ai cittadini per informazioni e per velocizzare le procedure. Ma non è tutto.

Da oggi sono stati messi in circolazione tre ciclomotori rimessi a nuovo l’anno scorso ma mai realmente utilizzati su strada per motivi burocratici. Sono arrivate anche tre automobili nuove: due Fiat Panda e una Alfa Romeo Giulietta. Oltre alle nuove tute operative per gli agenti.

Ma anche sul fronte delle infrazioni del codice della strada sono in aumento i controlli le multe per eccesso di velocità. L’autovelox mobile in dotazione alla Polizia Municipale ha già accettato, da febbraio ad oggi, circa duecentomila euro di sanzioni amministrative nei confronti di automobilisti per violazione di limiti di velocità. Infine sono state riparate tutte le telecamere delle ztl che sono tornate operative. Una vera e propria rivoluzione. “Una rivoluzione che continua nonostante le difficoltà di organico” – ha sottolineato ad Alqamah.it il Comandante Castrense Ganci.” Infine pronti anche i nuovi “dischetti” che saranno collocati negli stalli riservati alla Polizia Municipale per le strade della città.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteAttiva anche a Trapani  “YouPol”, la nuova App della Polizia di Stato
Articolo successivoTranchida incontra i 167 candidati delle liste che lo sostengono come sindaco. Firmato anche un Patto Civico per una maggiore trasparenza.
Emanuel Butticè
Emanuel Butticè. Castellammarese classe 1991, giornalista pubblicista. Laureato in Scienze della Comunicazione per i Media e le Istituzioni all’Università degli Studi di Palermo con una tesi sul rapporto tra “mafia e Chiesa”. Ama viaggiare ma resta aggrappato alla Sicilia con le unghie e con i denti perché convinto che sia più coraggioso restare.