Riconoscimento nazionale per il Comandante Castrense Ganci per “l’impegno etico sociale e la dedizione rivolta a sensibilizzare gli studenti della Regione Campania”

988

NAPOLI. Si è conclusa lo scorso 20 aprile in piazza Plebiscito a Napoli la VI edizione del progetto “Sii saggio, guida sicuro” promosso dall’Associazione “Meridiani” sulla sicurezza stradale rivolto alle scuole della Campania. Un progetto che va avanti da mesi e che ha coinvolto migliaia di studenti campani. Tra i relatori anche il Comandante della Polizia Municipale di Castellammare del Golfo Castrense Ganci che ha dato la sua esperienza sul campo sul tema della sicurezza stradale.

Per Ganci, divulgatore in tema di sicurezza stradale ormai da tantissimi anni, è arrivato il riconoscimento “per l’impegno etico sociale e la dedizione rivolta a sensibilizzare gli studenti della Regione Campania sul tema della sicurezza stradale, con la consapevolezza che i giovani rappresentano il futuro del nostro paese”. La premiazione è avvenuta in piazza Plebiscito nella giornata conclusiva del progetto rivolto ai giovani. “Da anni sono impegnato nell’educazione ai giovani. – ha dichiarato il comandante della polizia municipale Castrense Ganci – La sicurezza stradale produce effetti importantissimi, per questo è fondamentale poter parlare con i giovani dei comportamenti corretti sui mezzi stradali. È fondamentale spiegare loro quali sono i rischi che si corrono, la prudenza necessaria, la guida attenta, l’uso della cintura a del casco. Sono onorato del riconoscimento nazionale. Diffondere la cultura della sicurezza stradale tra i giovani, e non solo, rimane tra le attività che porterò avanti con impegno e dedizione” .

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteEnoteca Regionale ad Alcamo, in Finanziaria i fondi
Articolo successivoIntense piogge su Alcamo, disagi in alcune zone della città
Emanuel Butticè
Emanuel Butticè. Castellammarese classe 1991, giornalista pubblicista. Laureato in Scienze della Comunicazione per i Media e le Istituzioni all’Università degli Studi di Palermo con una tesi sul rapporto tra “mafia e Chiesa”. Ama viaggiare ma resta aggrappato alla Sicilia con le unghie e con i denti perché convinto che sia più coraggioso restare.