Tariffe per usufruire degli impianti sportivi aumentate. Le società sportive reagiscono…

1798

Un dato è certo: le tariffe, per usufruire degli impianti sportivi per allenamenti o gare, sono aumentate. Si registrano le prime razioni negative di alcune società sportive

Aumenti per le società o associazioni che vogliono usufruire delle strutture comunali adibite a manifestazioni e gare sportive.

Per fare alcuni esempi:

  • Stadio Lelio Catella: si passa da tariffe (2013) di 100 euro, diurno, per partite di calcio previste Calendari Federali A Carattere regionale con accesso di pubblico pagante, a tariffe (2018) di 160 per diurno. Invece per gli allenamento si passa da 5 euro a 8 euro ora;
  • S. Ippolito: da 50 euro con pubblico pagante a 100 euro diurno, Invece per gli allenamenti di passa da 2,50 euro a 10 euro;
  • Atletica: per manifestazione o gare da 50 euro ad ora a 100 euro per ogni ora;
  • Palestre: Palgrimaudo – Tensostruttura per partite con pubblico pagante da 20 euro a 75 euro parliamo sempre di diurno. Per gli allenamenti si passa da circa 3 euro a circa 8 euro. (Per altre strutture il dettaglio vedere allegati a fine articolo);
  • Campi da Tennis: si passa da circa 3 euro a persona per un’ora a circa 8 euro a persona.

Le tariffe sono IVA esclusa. Per ulteriori dettagli sulle tariffe consultare gli allegati presenti a fine articolo.

Le reazioni non si sono fatte attendere da parte di alcune società sportive:

TH Alcamo di pallamano afferma: “La Th Alcamo Pallamano ha sospeso in segno di protesta nei confronti del Comune, l’attività della prima squadra militante nel campionato di Serie A2 e delle squadre del settore giovanile Under 15 e Under 13, dopo che questa mattina è venuta a conoscenza dell’entrata in vigore delle nuove tariffe per l’utilizzo del Nuovo Palaverga e del Pala D’Angelo. Tariffe aumentate a dismisura,  che si pensava entrassero in vigore con l’inizio della nuova stagione agonistica” (L‘articolo).

Anche altre società si sono espresse negativamente come l’Avatar Basket di Salvatore Perricone, che scrive su un social della sospensione dell’attività sportiva causa “aumento delle tariffe degli impianti sportivi, determinata con effetti immediati dall’amministrazione Comunale (sono state quasi triplicate)”, che comprometterebbe, appunto, la continuazione dell’attività sportiva.
Mariangela Accardo della ASD Atena in un social, non citando direttamente la decisione del Comune di aumentare le tariffe per gli impianti sportivi, però parlando di aumento del “canone impianti sportivi”, afferma: questo è = chiusura associazioni = nessuno che investe in materiale sportivo o materiale tipografico per la propaganda sportiva = crisi del settore = nessuna iniziativa territoriale sportiva = nessun turismo sportivo = strutture ricettive in ulteriore difficoltà”.
Tariffe 2018

Tariffe 2013

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteRiaperto il cantiere del porto, partono i lavori dopo 8 anni: “Un traguardo raggiunto insieme”. VIDEO
Articolo successivoPizzolungo, dove la mafia viene contrastata
Eros Bonomo
Eros “Libero” Bonomo, Giornalista siciliano, vive ad Alcamo, il cui lavoro è incentrato su Passione, Rispetto e Indipendenza, così da informare al meglio i cittadini. Grande “divoratore” di Dylan Dog, musica e libri, in particolare di storia politica. Motto: “Non sarai mai solo con la schizofrenia”.