Riaperto il cantiere del porto, partono i lavori dopo 8 anni: “Un traguardo raggiunto insieme”. VIDEO

9205

CASTELLAMMARE DEL GOLFO. Questa volta è tutto vero. Non si tratta più di un annuncio. Da tempo ormai era nell’aria la riapertura del cantiere del porto per i lavori del secondo lotto, tanto annunciata e pubblicizzata in questi anni. Il Sindaco Coppola lo ha annunciato durante l’ultimo consiglio comunale, lo scorso 30 marzo. Lavori che andranno al rilento in concomitanza con l’inizio della stagione estiva, per poi riprendere nei mesi successivi con i lavori più “invadenti”.

La scorsa settimana sono state piazzate le prime transenne che delimitano il cantiere, e da questa mattina sono a lavoro i mezzi e gli operai dentro il cantiere. Infatti, dopo l’affissione del cartello che indica l’inizio dei lavori, questa mattina sono arrivati i mezzi della Sics, l’impresa che si è aggiuntata l’appalto per il secondo stralcio dei lavori del porto. La consegna dei lavori avvenne nel lontano 2016, alla presenta dell’allora Assessore Regionale alle Infrastrutture e Mobilità Giovanni Pistorio, l’on Mimmo Turano (oggi Assessore Regionale alle Attività Produttive), il Sindaco e i tecnici che hanno seguito il progetto.

Si tratta di un momento tanto atteso da molti, cittadini e imprese del comprensorio, dopo le vicende giudiziarie che hanno investito in pieno i lavori del porto e la città intera. Vicende che portarono al sequestro del cantiere nel lontano 2010 e al dissequestro, prima parziale e poi totale, nel 2013.

I lavori, finanziati con 15 milioni 500 mila euro, finalmente iniziano dopo quasi 2 anni dalla famosa consegna dei lavori al Castello Arabo Normanno e dureranno circa 2 anni. Ad inaugurare il cantiere il Sindaco Nicolò Coppola, l’assessore Regionale alle Attività Produttive Girolamo Turano, i vertici dell’impresa, l’ingegnere Giuseppe Pirrello (direttore dei lavori), l’Architetto Gaspare Giuseppe Motisi, l’ingegnere Simone Cusumano, gli assessori Lorena Di Gregorio e Salvo Bologna e il rappresentante della Sics Carmelo Misseri.

“Bisogna sempre avere fiducia, noi come amministrazione non abbiamo mai perso la sperante e ci abbiamo creduto fino alla fine. – ha affermato il Sindaco Coppola ad Alqamah.it – Sono davvero contento, questa mattina apriamo il cantiere per il secondo lotto dei lavori del porto dopo un iter travagliato, è un traguardo che abbiamo raggiunto insieme e dispiace per chi non ci ha creduto. È il risultato che conta, e questa mattina i fatti sono questi. A breve saranno concretizzati anche i lavori per il primo lotto.”

A spiegare i dettagli del progetto l’Ingegnere Pirrello: “I lavori, in questa prima fase, interesseranno principalmente il piazzala sotto il castello. In particolare saranno rimossi i massi e sarà ripristinata la zona della vasca regina, il piazzale antistante l’ingresso del porto e abbiamo in programma di realizzare il collegamento tra la marina e la zona di Piazza Petrolo, però quest’ultimo aspetto necessita ancora del progetto. Per non ostacolare i pontili e la stagione estiva – sottolinea Pirrello ad Alqamah.it – iniziamo questo tipo di lavori, ma già dai primi di settembre iniziamo il vero lavoro con i mezzi pesati per dragare la spiaggia e i lavori più consistenti. Per quanto riguarda il primo lotto, – conclude – dopo la cattiva esecuzione dei lavori in passato, la regione ha rimpinguato le somme e finanziato i lavoro e a breve, quindi, partirà il progetto. Abbiamo predisposto un crono programma in base al tipo di lavori da realizzare, e da oggi partiranno i lavori qui in marina”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteImpianti sportivi e contenitori culturali, si pagherà troppo? C’è chi parla di aumenti del 500%
Articolo successivoTariffe per usufruire degli impianti sportivi aumentate. Le società sportive reagiscono…
Emanuel Butticè
Emanuel Butticè. Castellammarese classe 1991, giornalista pubblicista. Laureato in Scienze della Comunicazione per i Media e le Istituzioni all’Università degli Studi di Palermo con una tesi sul rapporto tra “mafia e Chiesa”. Ama viaggiare ma resta aggrappato alla Sicilia con le unghie e con i denti perché convinto che sia più coraggioso restare.