Buseto Palizzolo, rubano legna dal Bosco di Scorace, arrestati dai carabinieri

2044

BUSETO PALIZZOLO. Sono stati arrestati dai carabinieri di Buseto Palizzolo, guidati sul campo dal Maresciallo Capo Giuseppe Di Pietra, due soggetti accusati di furti di lega dal Bosco di Scorace.

Gli uomini dell’Arma hanno tratto in arresto in flagranza di reato Labita Vincenzo e Fiordilino Andrea entrambi residenti a Buseto Palizzolo; il primo incensurato classe ’39 e il secondo già gravato da precedenti di polizia classe ’84.

I Carabinieri di Buseto Palizzolo, dopo un ordinario servizio di pattuglia nella mattinata di lunedì 1° marzo, avevano notato all’interno di Bosco Scorace, area demaniale sottoposta a vincolo paesaggistico, la presenza di circa 15 quintali di alberi già abbattuti e tagliati.

I militari, pensando che quei tronchi di eucalipto facessero gola a qualcuno decidevano, già dalle prime ore della stessa sera, di effettuare un servizio di appostamento finalizzato ad osservare eventuali movimenti sospetti. Il servizio di osservazione, protrattosi per tutta la notte, alla fine ha dato i suoi frutti: infatti, intorno alle ore 06:30 della mattina del 2 marzo i Carabinieri, mimetizzatisi tra la vegetazione, hanno notato due uomini che, dopo essersi avvicinati con fare guardingo al legname a bordo di un pick-up di colore verde, hanno iniziato a caricare la legna sul veicolo, sotto gli occhi attenti dei Carabinieri che intervenivano dichiarando in arresto i 2 soggetti in flagranza di reato per il reato di furto aggravato.

Dopo la compilazione degli atti di rito e il fotosegnalamento effettuato presso gli uffici della Compagnia di Alcamo, i rei sono stati tradotti agli arresti domiciliari presso le loro abitazioni, in atteso dell’udienza di convalida che si terrà nei prossimi giorni.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteSalvatore Cusimano, Direttore Rai Sicilia, incontra i ragazzi dell’Istituto Tecnico di Alcamo – VIDEO
Articolo successivoDissesto idrogeologico in Sicilia, 11 milioni di euro per la salvaguardia e la tutela del territorio