TH Alcamo in trasferta a Messina

636

Trasferta delicata per la Th Alcamo che domani (sabato 27 Gennaio) a Messina trova sulla sua strada una squadra caricata a palla dopo la vittoria sul Girgenti. 

Messina sostanzialmente rinforzato rispetto alla nefasta gara dell’andata, pareggiata dalle due formazioni, che costò  il gravissimo infortunio al ginocchio per il portiere Luca Scaglione, ( stagione finita per lui) e uno stiramento al bicipite femorale al centrale Aleandro Fagone.
Stagione che sta per arrivare ad uno snodo fondamentale, con Alcamo che deve subito riprendersi dall’inopinata sconfitta con Enna di sabato scorso , trovandosi però al cospetto di un avversario che può contare su un nuovo giocatore, l’ala sinistra greca Asaridis, mentre da diverse giornate è parte integrante della formazione peloritana il centrale palermitano Manno.
Formazione che grazie agli universitari,  si trova così rinforzata e dopo un inizio campionato deficitario, grazie all’esperienza di Minissale e Abbate e la buona vena realizatrice del reggino Costarella, potrà dire la sua in questa seconda parte della stagione nella rincorsa al quarto posto.
Alcamo invece che ha perso nuovamente Di Gaetano e Mistretta impegnati a tempo pieno nei corsi serali di preparazione al concorso per accedere nei Vigili del Fuoco, dal suo canto recupera il centrale Fagone, e  per forza di cose deve ripartire dai primi 38 minuti di partita con l’Enna che l’avevano portata sul più nove, evitando però quei minuti di imperizia e nervosismo ingiustificato, che hanno poi riaperto il match.
Perché con il passare delle giornate con tutte le occasioni buttate al vento, Alcamo sta vedendo sempre più complicato il suo percorso verso l’obbiettivo di inizio stagione, più per propri demeriti che per la forza degli avversari, tutti alla portata della formazione di Benedetto Randes.
Ora questo nuovo test per un match, sicuramente difficile e dal pronostico complicato che si gioca in un campo che non aiuta il gioco in velocità, con l’impianto  privo delle reti di protezione alle spalle delle porte che impedisce una rapida ripresa di gioco e che cambia di molto anche la prospettiva dello stesso  per i giocatori.
Fischio d’inizio alle ore 18.00 arbitri, Reale e Cannata.
Comunicato
CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteTrattativa Stato-mafia, la Procura chiede condanne per Mori e Dell’Utri: “Sono colpevoli”. VIDEO
Articolo successivoControlli dei Carabinieri nel trapanese, due persone fermate