D’Alì, in attesa della sentenza

2366

Cassazione: il procuratore generale ha chiesto l’annullamento della sentenza di appello. Hanno discusso difese e parti civili

Si conoscerà in serata la decisione della Cassazione sul ricorso presentato dalla Procura generale di Palermo contro la sentenza di prescrizione e assoluzione (per insufficienza di prove) pronunciata dalla Corte di Appello di Palermo, ricalcando peraltro il giudizio di primo grado, nel processo contro l’ex sottosegretario all’Interno e senatore forzista Tonino D’Alì, imputato di concorso esterno in associazione mafiosa. Stamane il procuratore generale ha chiesto l’annullamento della sentenza ripercorrendo i temi evidenziati dal sostituto procuratore generale di Palermo, Nico Gozzo. Sono intervenute le parti civili, tra queste Libera e l’associazione “la verità vive”, e anche le difese, interrotte però dal presidente della Corte quando hanno cercato di discutere nel merito dello svolgimento del dibattimento. La decisione della Corte si conoscerà nella tarda serata.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedentePer il MoVimento 5 Stelle spiccano Lombardo e Santangelo. Per Forza Italia si fa il nome della Monterosso e per LeU Grasso a Palermo
Articolo successivoCastelvetrano, i carabinieri arrestano il secondo autore della rapina dello scorso dicembre