Castelvetrano, i carabinieri arrestano il secondo autore della rapina dello scorso dicembre

860

CASTELVETRANO. A conclusione di attività investigativa svolta dal Nucleo Operativo della Compagnia Carabinieri di Castelvetrano, è stato possibile identificare e trarre in arresto Khaldi Amed, castelvetranese 21enne, disoccupato e ben noto alle forze dell’ordine.

Nel contesto di un servizio coordinato di controllo del territorio svolto in data 2 dicembre 2017, i militari del N.O.R. – Aliquota Radiomobile avevano tratto in arresto Nicosia Michele, 25enne castelvetranese, disoccupato e anch’egli noto a questi uffici. Dopo la denuncia ricevuta da un’ anziana donna, la quale segnalava di esser stata rapinata da due giovani a bordo di un ciclomotore privo di targa, in via Palestro mentre rincasava presso la propria abitazione, i militari dell’Arma si attivavano cercando ogni piccolo particolare che li avrebbe portati sulle tracce dei malviventi i quali, dopo averla avvicinata, le sottraevano la borsa contenente, tra l’altro, i documenti di riconoscimento e il telefono cellulare. Le immediate ricerche, confortate anche dall’acquisizione di immagini da sistema di video sorveglianza in loco, consentivano la tempestiva identificazione e l’arresto del Nicosia e la riconsegna della refurtiva alla vittima.

La susseguente attività d’indagine consentiva di identificare il correo nel Khaldi; in ragione di ciò, concordando con le risultanze raccolte dai militari dell’Arma, l’Ufficio GIP del il Tribunale di Marsala ha emesso un’ordinanza di custodia cautelare a carico dell’indagato. Il provvedimento è stato eseguito alle prime luci dell’alba, e l’arrestato è stato tradotto presso la propria abitazione in regime di arresti domiciliari, con contestuale applicazione del braccialetto elettronico.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteD’Alì, in attesa della sentenza
Articolo successivoFare Ambiente su impianto di Gallitello: “non risulta rilevabile l’impatto che avrebbe sull’aspetto sanitario e sul rilascio delle acque utilizzate nel terreno”