Ciclo rifiuti nel Trapanese. Palmeri: “Subito impianti già autorizzati, no a forzature”

1381

La deputata alcamese Valentina Palmeri esprime perplessità su iter autorizzativo impianti Solgesta: “L’impianto non è previsto nelle pianificazioni né della Regione della SRR Trapani nord. Si proceda piuttosto con gli impianti per la differenziata già previsti”.

PALERMO. “Per quanto riguarda la gestione del ciclo dei rifiuti nel Trapanese, c’è qualcosa che non va. Chiedo al presidente Musumeci di intervenire affinché vadano immediatamente realizzati gli impianti già autorizzati e pianificati invece di proporre progetti che non rientrano nelle pianificazioni regionali e neanche della SRR TP Nord”. La deputata regionale del Movimento 5 Stelle Valentina Palmeri torna ad incalzare il governo regionale sulle presunte irregolarità dell’iter autorizzativo concesso dalla Regione Siciliana alla Ditta Solgesta S.r.l, in merito al gassificatore di Gallitello che ha già tanto fatto discutere nelle scorse settimane.

“Abbiamo visto, cosa è accaduto a Calatafimi Segesta – spiega la deputata M5S – con il progetto per la costruzione di un impianto che avrebbe dovuto in apparenza produrre biometano ma che nei fatti celerebbe anche il trattamento dei rifiuti soliti urbani oltre a quelli organici e un gassificatore. Se Musumeci, al pari di Crocetta, continua a fare orecchie da mercante, a pagare delle disastrose conseguenze in termini economici e ambientali, saranno ancora una volta i cittadini. Per questa ragione – sottolinea Valentina Palmeri – ho presentato al governo altre due mozioni e due ordini del giorno. Con una mozione abbiamo impegnato il Governo della regione siciliana a realizzare nel più breve tempo possibile gli impianti già autorizzati: oltre a questo di Calatafimi Segesta anche quello relativo all’ampliamento Discarica di c.da Borranea a Trapani di rifiuti non pericolosi con impianto di TMB e quello di selezione e valorizzazione del secco da raccolta differenziata (carta, cartone, plastica, vetro, metalli) da realizzarsi nel Comune di Buseto Palizzolo. Vanno immediatamente realizzati gli impianti già autorizzati e pianificati invece di proporre progetti che non rientrano nelle pianificazioni regionali e neanche della SRR TP Nord”.

“A proposito degli impianti Solgesta – continua la portavoce M5S – abbiamo da subito informato la popolazione, fatto accesso atti dallo scorso luglio per avere a disposizione tutte le informazioni in merito, impiegato gran parte della nostra attività parlamentare per chiedere l’immediata sospensione in autotutela della procedura amministrativa riguardante l’autorizzazione a questi impianti ed in ultimo abbiamo presentato un esposto alla Procura della Repubblica per rilevare responsabilità in eventuali illeciti compiuti in questa procedura e una serie di atti parlamentari. Le azioni da mettere in campo per risolvere questa questione non sono quelle di  bruciare rifiuti o conferirli in discarica senza nessun trattamento. Queste modalità non possono far altro che provocare danni ambientali e conseguenti danni sanitari ed è chiaro che per evitare questo collasso di gestione il primo passo è aumentare le percentuali della raccolta differenziata in tutta la regione e – conclude Palmeri – gestire il ciclo rifiuti con impianti adeguati”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteFazio, nuovo sequestro
Articolo successivoL’Alcamo Futsal supera, in casa, il Club 83