Domenica l’Open day dell’istituto Tecnico di Alcamo

1653

Si svolgerà domani domenica 21 Gennaio dalle 10:00 alle 12:00 e dalle 17:00 alle 20:00 l’Open Day dell’I.T.E.T. “G. Caruso” di Alcamo. La giornata denominata “Domenica insieme” è finalizzata principalmente a far conoscere agli alunni di 3° media ed alle loro famiglie, l’offerta formativa dell’istituto, che con due settori, economico e tecnologico, e con tre articolazioni per ogni settore, offre ben sei tipologie di corsi di studi.

L’Open Day è un momento di apertura, oltre che per gli studenti e per le loro famiglie, anche per l’intera cittadinanza: si vuole rendere partecipe la comunità della bellezza della struttura in cui si opera. Sarà quindi possibile visitare i tre edifici circondati dal bel giardino, la grande palestra, l’auditorium con oltre 200 posti e i numerosi laboratori diversificati per tipologia in cui gli alunni dell’I.T.E.T. saranno a disposizione per delle dimostrazioni sull’attività che svolgono durante le lezioni.

Durante la giornata, si parlerà anche della possibilità di scegliere lo sport da svolgere (tennis, nuoto, calcetto…) nelle ore di scienze motorie, degli svariati progetti che la scuola ha svolto e svolgerà, precisando che l’istituto è stato sempre attento a cogliere le opportunità provenienti dal settore pubblico e privato.

Infine, verrà ampiamente descritto il “Progetto di alternanza scuola/lavoro”, che in questa scuola si è concretizzato in una reale attività lavorativa e di formazione, strettamente collegato al corso di studi svolto. Questo stretto legame tra scuola e mondo del lavoro ha già prodotto proficui rapporti lavorativi al di fuori della struttura scolastica.

Possiamo dire che sarà veramente una “Domenica insieme” non solo alle famiglie, ma anche a tutta la collettività per far conoscere una scuola moderna e all’avanguardia che si innesta nel territorio.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteControlli straordinari dei carabinieri: un arresto e un allontanamento per maltrattamenti in famiglia
Articolo successivoCastellammare, al via il primo “Corso base di lingua siciliana”