Arriva l’acqua ad Alcamo, ma tanta si perde in strada

3538

ALCAMO. A distanza di circa una settimana arriva l’acqua in zona Gammara. Come si accorgono alcuni residenti dell’arrivo della tanto attesa acqua comunale? Dalle perdite in strada. La grossa perdita segnalata dal nostro giornale il mese scorso si trova ancora nella stessa condizione. Infatti è tantissima l’acqua persa (quando arriva) per le strade. “Ormai non capisco più quando è il turno. Mi accorgo del suo arrivo dalla perdita in strada” – sottolinea una signora residente in zona.

Ma oggi l’acqua è arrivata anche nella zona intorno a via Ingham. A segnalarci un’altra perdita un cittadino: “Questa perdita in strada si trova così da tanto tempo” – spiega. Una perdita che, aggiunta alle altre sparse per la città, aggrava l’emergenza acqua. Una rete idrica colabrodo che necessita sicuramente interventi urgenti, l’Assessore Roberto Russo al nostro giornale ha spiegato che gli interventi saranno fatti non appena si saranno stabilizzati i turni di erogazione per l’intera città.

Un’emergenza che ha toccato il picco in occasione delle festività natalizie, con pranzi di natale, come hanno segnalato diversi cittadini al nostro giornale, organizzati in base alla presenza di acqua nei recipienti. Una situazione aggravata anche dai furti di tubi e, quindi, nei ritardi dei lavori alla fonte Cannizzaro.

Attualmente diverse zone sono ancora difficoltà. Per esempio nella zona tra via Ugo Fosco e via San Francesco di Paola, la scorsa settimana, l’acqua è arrivata con il contagocce. Proprio in merito l’assessore Roberto Russo ad Alqamah.it ha rassicurato che si sta lentamente tornando alla normalità ma ritiene eccessivo parlare di emergenza.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteAlcamo, “Concerto per la Vita” alla Basilica S. Maria Assunta
Articolo successivoMarocchino espulso
Emanuel Butticè
Emanuel Butticè. Castellammarese classe 1991, giornalista pubblicista. Laureato in Scienze della Comunicazione per i Media e le Istituzioni all’Università degli Studi di Palermo con una tesi sul rapporto tra “mafia e Chiesa”. Ama viaggiare ma resta aggrappato alla Sicilia con le unghie e con i denti perché convinto che sia più coraggioso restare.