Marocchino espulso

1466

Progettava attentato a Trapani

Ritenuto pericoloso dalla stessa comunità islamica e pronto a compiere un gesto eclatante: investire con un’auto i frequentatori di un esercizio pubblico e poi aggredirli con un coltello. Per questi motivi un marocchino di 42 anni è stato espulso con un provvedimento firmato dal ministro dell’Interno Marco Minniti, sulla base di un’attività info-investigativa fatta dalla Digos di Trapani. Si tratta della prima espulsione del 2018 che fa salire a 238 il numero complessivo dei soggetti allontanati per motivi di sicurezza dall’Italia a partire dal gennaio 2015.

L’uomo, venditore ambulante e residente a Trapani con precedenti per ricettazione, commercio di falsi
e guida in stato di ebbrezza, è stato segnalato dall’intelligence nell’ambito dell’attività di contrasto all’estremismo islamico. Il marocchino era considerato pericoloso dalla stessa comunità islamica locale per la sua indole violenta e aveva mostrato segnali di particolare fanatismo, esasperati anche dall’uso di droga, e l’intento di compiere un gesto eclatante. L’uomo è stato accompagnato in Marocco con un volo decollato da Palermo.

fonte Ansa.it

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteArriva l’acqua ad Alcamo, ma tanta si perde in strada
Articolo successivo“Ti do la mia parola”