Atto intimidatorio a Li Causi, la solidarietà di Sicilia Futura

1610

Atto intimidatorio a Nicola Li Causi, 42 anni, amministratore del centro Polidiagnostico Multimedical ed ex amministratore comunale.

Gli hanno fatto trovare due cartucce e pezzi di legno sistemati a forma di croce vicino il portone d’ingresso dell’abitazione, subito sono intervenute le Forze dell’Ordine e oltre ad aver sequestrato quanto rinvenuto, hanno effettuato rilievi scientifici. Infine la polizia ha acquisito le registrazioni del sistema di videosorveglianza dell’abitazione di Li Causi per poter identificare chi ha compiuto tutto ciò.

A Li Causi sono arrivate testimonianze di solidarietà da Sicilia Futura, pubblichiamo la nota stampa:

Il Direttivo Regionale di Sicilia Futura nella persona del suo Segretario Organizzativo Giacomo Scala unitamente al Direttivo Provinciale di Trapani esprime la più ampia solidarietà nei confronti di Nicola Li Causi oggetto di una grave intimidazione con l’auspicio che gli autori del vile gesto vengano presto individuati ed assicurati alla giustizia, grazie al lavoro delle forze dell’ordine e della magistratura. Castelvetrano così come tutta la provincia di Trapani ha bisogno di normalità e questi gesti devono scuotere le coscienze e risvegliare l’orgoglio delle persone per bene che si ribellano.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteChiusa la visita dell’Hellas Verona all’Asd Renzo Lo Piccolo
Articolo successivoImmacolata Concezione, una festa molto sentita in Sicilia