Nube nera ricopre Alcamo, fuoco in Contrada Sasi/Vallenuccio (VIDEO)

37146

ALCAMO. Una fitta nube scura sta ricoprendo la città, mentre le sirene dei mezzi di soccorso suonano senza sosta. I vigili del fuoco sono intervenuti in loco, sito in Contrada Sasi/Vallenuccio, con diverse squadre e almeno 3 mezzi, e stanno domando  le fiamme, mentre la nube continua a spargersi per l’intera cittadina grazie ad un leggero vento.

La redazione consiglia alla cittadinanza  di tenere chiuse le finestre, e mettere al riparo persone e animali, per evitare di inalare e far inalare i fumi di questa nube. Un video in diretta su Facebook dell’assessore Russo invita anche a non recarsi in zona per curiosare, al fine di non intralciare i lavori di intervento e soccorso.

Il rogo è divampato nel capannone di stoccaggio della plastica appartenente a Vincenzo D’Angelo, rimane ancora da accertare la natura dell’incendio.

Massimo Fundarò, ecologista e di sinistra italiana, lancia l’allarme: quando brucia plastica sprigiona diossina, che è tossica sia respirandola, che successivamente quando si deposita sui terreni, contaminando gli alimenti. Occorre un serio ed accurato monitoraggio dell’inquinamento provocato dall’incendio”

Aggiornamento

In un comunicato del comune si legge: A seguito dei rilievi strumentali effettuati dal Nucleo NBCR dei Vigili del Fuoco, congiuntamente
all’ARPA, il sindaco comunica alla cittadinanza che i valori di particolato, riscontrati in diversi
punti della città alle ore 22:45, sono nella norma. Dati più accurati, forniti dall’ARPA, saranno
disponibili entro le prossime 48 ore.

Nuovo aggiornamento dal comune di Alcamo:

Richiamatala propria ordinanza n. 39679 emanata in seguito all’incendio di c/da Sasi attualmente ancora in
corso di spegnimento;
preso atto dei primi rilevamenti effettuati da parte del NBCR dei vigili del fuoco di ieri notte;
tenuto conto che l’Arpa fornirà i dati del monitoraggio sulla qualità dell’aria e su eventuali effetti
dell’incendio sull’ambiente entro la giornata di domani;
ritenuto di dover applicare, in assenza di controindicazioni da parte degli organi competenti, il principio di
precauzione
visti gli articoli 50 e 54 del d.lvo 267/2000 e s.m.i.
visto l’articolo 69 O.R.EE.LL.
DISPONE
1. Di revocare l’ordinanza n.39679 del 30/07/2017;
2. Di vietare l’accesso al CCR comunale nonché l’avvicinamento all’area interessata dall’incendio nel
raggio di 500 metri;
3. Di invitare la popolazione al rispetto delle seguenti misure precauzionali, fino a nuove disposizioni:
– evitare di stazionare all’aperto;
– tenere gli infissi di casa il più possibile chiusi;
– limitare il più possibile gli spostamenti;
– non praticare attività sportiva all’aperto;
– fare uso di adeguate misure di protezione nel caso di necessità di stazionare all’aperto;
– evitare il consumo di prodotti ortofrutticoli di produzione propria o comunque raccolti nel territorio
dopo lo svilupparsi dell’incendio e comunque se non dopo accurato lavaggio con abbondante acqua
potabile;
– di comunicare la presente alle forze di polizia, alla prefettura per la verifica dell’attuazione.
La presente costituisce trascrizione dell’ordinanza emessa in forma orale dal Sindaco Domenico
Surd

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteIncendi, gli albergatori di Scopello scrivono al Prefetto e alla giunta Crocetta
Articolo successivoDue operazioni dei Carabinieri nel weekend. Aggressione, cocaina e stato di ebbrezza