Incendi in Sicilia, Flash Mob di Guzzetta e Massimo Fundarò davanti al Senato

2003

250 milioni di euro l’anno, 26mila lavoratori forestali di cui 7mila addetti all’antincendio

“Questi sono i dati del carrozzone regionale – affermano Guzzetta e Fundarò di Sinistra Italiana – che a fronte di spese ingentissime non riesce a custodire e tutelare i territori, il patrimonio paesaggistico e naturalistico della Sicilia , mettendo anche a repentaglio la vita delle persone e le attività economiche.”

Bianca Guzzetta co-segretaria Sinistra Italiana Sicilia e Massimo Fundarò direzione nazionale SI, hanno inscenato un flashmob improvvisato davanti al Senato.

“Crocetta ha avuto cinque anni di tempo – proseguono gli esponenti siciliani della sinistra – per riformare il settore dei forestali e anno dopo anno è stato un fallimento. L’assessore Cracolici, pronto alle visite di cordoglio dopo la catastrofe della riserva dello Zingaro, avrebbe dovuto predisporre per tempo misure idonee a prevenire gli incendi che ogni anno devastano il territorio siciliano. “

“Un atto di responsabilità di entrambi – concludono Guzzetta e Fundarò – sarebbe quello di dimettersi. “

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteControlli dei Carabinieri della Compagnia di Alcamo. Denunce, ritiro di patenti e un arresto.
Articolo successivoArtisti per Alcamo. L’ArabaFenice è alla sua quarta edizione
Eros Bonomo
Eros “Libero” Bonomo, Giornalista siciliano, vive ad Alcamo, il cui lavoro è incentrato su Passione, Rispetto e Indipendenza, così da informare al meglio i cittadini. Grande “divoratore” di Dylan Dog, musica e libri, in particolare di storia politica. Motto: “Non sarai mai solo con la schizofrenia”.