Grillo invita al non voto, Orrù replica “è un eversivo”

3157

Ballottaggio Trapani, attacco del leader 5 Stelle, il Pd non le manda a dire

Il capo dei pentastellati, Beppe Grillo, prende posizione sul voto del secondo turno a Trapani e lo definisce «un ballottaggio fake». Grillo invita i trapanesi a «non andare a votare».«Queste – scrive Grillo – non sono elezioni, non è votare questa roba qui. Avete già fatto troppo con il 59 per cento al primo turno, c’erano Fazio e Savona, il primo era in vantaggio ma si è ritirato (problemi con la giustizia che si era dimenticato?) e Savona, quello di centrosinistra con il simbolo del Pd affiancato da mulini a destra e sinistra». Beppe Grillo ha parlato scrivendo sul suo blog: «Non potete andare dietro a questi giochetti, vi chiedono di essere in almeno il 50 per cento perché vinca l’unico che è rimasto, fa il ballottaggio con la palla a muro… se la gioca da solo e ha paura di se stesso». Come così evidenzia il cronista di Repubblica, Claudio Reale, il leader del Movimento 5 Stelle storpia il nome di Antonio D’Alì, candidato di Forza Italia e Psi, arrivato terzo e ribattezzato “Calì”: «Non so più qual è dei due, uno con obblighi di dimora per D’Alì c’è una richiesta della Dda pendente presso il Tribunale di Trapani ndr) e l’altro che viene da casa, ma dai domiciliari (Girolamo Fazio, ai domiciliari dal 19 maggio al 3 giugno ndr)». «Aghi della bilancia – scrive ai trapanesi – soppesate bene il vostro ruolo in tutto questo: nessuno! State a casa, diamine! Mi appello al vostro senso della decenza e vi prego, mi rivolgo a tutti gli elettori: questo non è un voto, è l’autopsia del cadavere di una democrazia marcia. Siete elettori e non dei dissotterratori di mostruosità».

«Grillo eversivo specula su pelle dei Trapanesi, gioca la sua partita devastante ai danni dei cittadini solo per fare gli interessi del M5S e soffiare sul fuoco dell’antipolitica e contro le istituzioni». Lo dice la senatrice del Pd Pamela Orrù commentando l’appello a non votare, domenica prossima a Trapani, per il solo candidato sindaco rimasto al ballottaggio che il leader del Movimento 5 stelle ha lanciato. «Quello che Grillo omette nel suo appello eversivo a non votare, infatti – aggiunge l’esponente del Pd – è che in quel caso tutto andrebbe in mano ad un commissario, costretto a svolgere solo l’ordinaria amministrazione. In soldoni, il Comune di Trapani non verrebbe governato ma si gestirebbe solo l’ordinario, a tutto danno dei Trapanesi. Noi diciamo, invece, di andare a votare, e di votare in tanti, perché in gioco c’è il futuro della nostra città.Partecipare attivamente alle elezioni – conclude la senatrice Orrù – è un diritto ed un dovere e democrazia non è una parolaccia, come sostiene Grillo, che pensa all’uomo solo, cioè se stesso, al comando. Sono certa che i Trapanesi non lasceranno cadere l’opportunità di domenica 25 per rilanciare la città».

Il botta e risposta tra Beppe Grillo e la senatrice Pamela Orrù non è che l’ultimo in ordine di tempo a proposito del ballottaggio di Trapani. In precedenza ce ne era stato un altro, sebbene indiretto, tra il ministro degli Esteri Angelino Alfano e il sottosegretario alla Salute Davide Faraone. Alfano al fianco di Fazio, aveva definito rispettoso delle istituzioni e dignitoso il comportamento di Fazio, Faraone ha risposto definendo scandaloso il comportamento di Alfano.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteNo sindaco, No Consiglio
Articolo successivoPrima “Personale” ad Alcamo di Pietro Espedito
Rino Giacalone
Rino Giacalone, direttore responsabile e cronista di periferia. Vive nel capoluogo trapanese sin dalla sua nascita. Penna instancabile al servizio del territorio e alla ricerca della verità.