“Castellammaredavivere”. Claudia Malva (Digito): “lavorare bene per un territorio vuol dire raccontarlo bene”

2492

“Castellammaredavivere”  è il portale turistico che racconterà e parlerà di Castellammare del Golfo, ma da un punto di vista “local”, perché una realtà così bella e ricca di suggestioni non può non essere raccontata.

E’ un progetto autonomo ed indipendente, nato dalla professionalità nel campo del web e digital marketing di Mark&Think, ideatore anche di Digito (il primo seminario sul turismo digitale sempre qui a Castellammare del Golfo) e ha visto la luce ufficialmente il 14 giugno 2014, “quando – afferma Claudia Malva – dopo aver partecipato ad una scuola per futuri imprenditori ho capito che non potevo lasciare in un cassetto questo progetto e così ho iniziato a coinvolgere tutto il territorio, perché si sentisse parte di esso”.
“Noi ci stiamo mettendo cuore, passione ed amore – continua Malva – perché crediamo che lavorare bene per un territorio voglia dire raccontarlo bene e per fare questo crediamo che un territorio debba essere in grado di sapersi riconoscere nelle immagini, nei testi che lo raccontino”.
“Esistono sicuramente moltissimi portali turistici – conclude – ma ciò che vorremmo che lo distinguesse è la sua capacità di essere la voce di questo territorio, in cui l’intera città possa sentirsi coinvolta e partecipe: per questo abbiamo deciso di investire il nostro lavoro, il nostro tempo in questa città”.

L’appuntamento è per giovedì 25 maggio alle ore 10:30 presso la sala Conferenza del Castello Arabo Normanno
“Seguite l’hashtag #castellammardavivere”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteUniti per la legalità
Articolo successivoMozione sulla questione TARI per gli artigiani e autoriparatori
Eros Bonomo
Eros “Libero” Bonomo, Giornalista siciliano, vive ad Alcamo, il cui lavoro è incentrato su Passione, Rispetto e Indipendenza, così da informare al meglio i cittadini. Grande “divoratore” di Dylan Dog, musica e libri, in particolare di storia politica. Motto: “Non sarai mai solo con la schizofrenia”.