Pronta la nuova Arena delle Rose di Castellammare del Golfo: Restyling quasi completato. FOTO

7439

CASTELLAMMARE DEL GOLFO. Completati ieri i primi lavori di restyling delle gradinate dell’Arena delle Rose di Palazzo Crociferi.

La riqualificazione dell’Arena delle Rose ha permesso un importante aumento di posti e la messa a norma della struttura. I lavori dell’antico chiostro del convento dei Padri Crociferi, fondato nel 1659, sono partiti circa un mese fa e ieri sono stati completati quelli relativi alle gradinate e al roseto delle parte alta.

Con un palcoscenico di media grandezza l’arena delle rose negli anni è stata utilizzata per spettacoli teatrali di vario genere e concerti ed essendo all’aperto soprattutto nel periodo estivo sarà possibile ospitare diversi concerti di altro livello.

In particolare sono stati ristrutturati i gradoni, l’illuminazione e sono state collocate nuove sedute con spalliere così da poter assistere comodamente agli spettacoli. Da oggi i posti a sedere sono stati praticamente raddoppiati, da circa 600 posti a sedere sono stati portati a circa 1200. “Questo- ha spiegato il Sindaco Coppola lo scorso marzo – ci consentirà anche di ospitare eventi, spettacoli e musicisti di alto livello”. Il progetto è stato redatto dal III settore dell’ufficio tecnico comunale diretto dall’ingegnere Simone Cusumano, con la collaborazione dell’architetto Irene Cavarretta, e i lavori sono stati svolti “in economia”, cioè quasi a costo zero grazie al contributo delle ditte che stanno svolgendo i lavori.

L’inaugurazione è prevista per il mese di maggio. Ecco le prime foto:

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteLettera anonima su trasparenza appalti, “scontro” al comune di Castellammare del Golfo
Articolo successivoSiamo Castellammare: “il nostro senso di responsabilità ci spinge a difendere il “Comune””
Emanuel Butticè
Emanuel Butticè. Castellammarese classe 1991, giornalista pubblicista. Laureato in Scienze della Comunicazione per i Media e le Istituzioni all’Università degli Studi di Palermo con una tesi sul rapporto tra “mafia e Chiesa”. Ama viaggiare ma resta aggrappato alla Sicilia con le unghie e con i denti perché convinto che sia più coraggioso restare.