Il Sindaco di Alcamo, Surdi, porta la vicenda giudiziaria in Consiglio Comunale

3016

Il Sindaco di Alcamo, Domenico Surdi, è intervenuto in Consiglio Comunale, per comunicare di aver ricevuto dal Tribunale di Trapani un avviso di prorogo di indagine, perché come ha affermato lui stesso: questa è la sede giusta.

In Consiglio ha ribadito la propria serenità sulla vicenda giudiziaria, molto probabilmente legata alla vicenda “pozzi”. Surdi, inoltre, si è augurato che presto venga fatta chiarezza sulla vicenda. Poi ha ribadito che la sua Amministrazione sta facendo un gran lavoro per risolvere la situazione idrica ad Alcamo, una crisi che è cronica. Infine Surdi ha raccontato che un cittadino gli ha detto:  entriamo ad Alcamo e c’è scritto Città, ma  non si può chiamare Città quando l’acqua arriva ogni 5 giorni. Il Sindaco a queste parole ha sentito crescere la rabbia. Una rabbia  che si dovrà trasformare in più lavoro per risolvere i problemi della città.

Dai banchi dell’opposizione parole di apprezzamento per il fatto che il Sindaco ha portato in Consiglio la discussione. Pitò di ABC/Alcamo Cambierà, ha proposto al Sindaco di far partecipare tutti alla soluzione per accelerare i tempi e non ha importanza se si dovrà lavorare anche la notte.

Gli hanno fatto eco Ruisi, sempre di ABC, Messana delll’UDC, quest’ultimo in particolare ha apprezzato che il Sindaco abbia detto che il Consiglio Comunale è l’aula deputata a discutere della faccenda. Apprezzamento anche da Dara, che ha ribadito, a proposito di crisi idrica, che si dovrebbero risolvere il caso della sorgente Cannizzaro. Ha concluso il Consigliere di Noi per Alcamo: le Sorgenti del comune vanno a mare è assurdo. Bisogna spingere su dirigenti e tecnici.

Infine Cracchiolo del Partito Democratico, che non ha espresso solidarietà, in quanto i processi si fanno in tribunale e non in Consiglio Comunale, non è la sede preposta. Non è mio compito difenderla e ai giudici va il mio apprezzamento, ha poi aggiunto, concludendo, il Consigliere del Partito Democratico.

Il Movimento ABC a tal proposito ha emanato una nota stampa, che pubblichiamo:

“Alcamo bene comune vuole esprimere il suo apprezzamento per l’intervento chiarificatore del Sindaco Surdi sulla questione dell’avviso di proroga delle indagini ricevuto dal primo cittadino e legato, con tutta probabilità, alla spinosa questione dei pozzi per l’approvvigionamento idrico.
Come da noi sempre rivendicato (e lo avremmo fatto anche e soprattutto in questa circostanza), il Consiglio comunale è tornato ad essere il luogo deputato alla discussione delle questioni politiche attinenti la vita della nostra comunità: per quanto i social rivestano, al giorno d’oggi, un ruolo fondamentale nella diffusione delle informazioni, non puó essere quello il luogo preposto al dibattito che è (e deve rimanere) il supremo consesso cittadino. 
Attendiamo l’esito dell’accertamento, fiduciosi che la posizione del primo cittadino si chiarirà presto e lungi dal fare di questa delicata questione oggetto di pretestuosi attacchi. Garantismo e presunzione di innocenza costituiscono per noi pilastri fondamentali del vivere quotidiano e, a differenza di chi fa della condanna senza appello un vero e proprio modus operandi, tali principi vanno intesi ed applicati sempre, non ad intermittenza”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedente“Nati per esserci” in scena oggi al Teatro Euro di Alcamo
Articolo successivoSospeso Landini
Eros Bonomo
Eros “Libero” Bonomo, Giornalista siciliano, vive ad Alcamo, il cui lavoro è incentrato su Passione, Rispetto e Indipendenza, così da informare al meglio i cittadini. Grande “divoratore” di Dylan Dog, musica e libri, in particolare di storia politica. Motto: “Non sarai mai solo con la schizofrenia”.