Lavoratrici e i lavoratori dell’Ipab di Alcamo da 10 mesi non prendono stipendio

1592

Cgil, la Fp Cisl e la Fpl Uil ricordando che  32 lavoratrici e  lavoratori dell’Ipab Opere Pie Riunite “Pastore e San Pietro” di Alcamo “Da dieci mesi non percepiscono lo stipendio”, comunicano che “a breve la loro drammatica situazione sarà sanata”.

I sindacati inoltre informano che “Dopo un incontro con il sindaco di Alcamo è, infatti, emerso l’impegno dell’amministrazione comunale di dare risposte ai lavoratori attraverso nuove progettualità volte a sanare la grave situazione dell’Opera Pia”.

“Esprimiamo soddisfazione – dicono i segretari della Fp Cgil Vincenzo Milazzo, della Fp Cisl Marco Corrao e della Fpl Uil Giorgio Macaddino – per l’interesse e la disponibilità mostrata dal sindaco e dall’assessore al ramo nei confronti delle lavoratrici e dei lavoratori dell’Ipab alcamese”.

Sempre i rappresentanti sindacali affermano che “L’amministrazione comunale si è già attivata nominando un componente che farà parte del nuovo Cda dell’Ipab”.

“Auspichiamo – concludono – che anche le altre Istituzioni, titolate alla nomina dei componenti come l’Asp, la Prefettura, la Diocesi di Trapani e l’Assessorato regionale alla famiglia, possano nominare in tempi brevi i nuovi consiglieri così da evitare la gestione commissariale”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteLa CNA di Alcamo contro il senso unico di Via Rocco Chinnici
Articolo successivoIl Comune di Alcamo ha approvato la Convenzione con il FAI per il Castello di Calatubo