Palermo Capitale Italiana della Cultura nel 2018. Delusione per l’Unione dei Comuni Elimo Ericini.

2261

PalermoSfuma il sogno dell’Unione dei Comuni Elimo Ericini con i comuni di Buseto Palizzolo, Custonaci, San Vito lo Capo, Erice, Valderice, Paceco. La Capitale Italiana della Cultura 2018 sarà Palermo.

L’ufficialità è stata data dal ministro dei Beni e delle attività culturali e del turismo Dario Franceschini nella Sala Spadolini del ministero a Roma, al termine dei lavori della giuria di selezione.

«Innanzitutto i complimenti e le congratulazioni alla città vincitrice Palermo” – dichiara Giuseppe Bica, sindaco di Custonaci e  vice presidente dell’Unione dei Comuni Elimo Ericini. “Vince la Sicilia comunque. Abbiamo realizzato un progetto di rilancio e di rivoluzione culturale con passione e impegno, siamo arrivati in finale, a dimostrazione della credibilità e serietà del lavoro fatto.”

“Ci siamo ritrovati nella motivazione al premio – continua Bica. Collaboreremo con Palermo, svilupperemo un progetto insieme. Il primo di marzo, una conferenza stampa nei Comuni Elimo Ericini alla presenza di Leoluca Orlando. Essere riusciti a entrare nella short list delle prime dieci candidate è comunque un buon risultato e una bella soddisfazione.”

“Faremo comunque tesoro del metodo di lavoro che ci ha portato a disegnare un progetto unitario sull’intero Agro ericino – conclude il Sindaco -, senza distinzione di campanili, e con questa nuova visione territoriale realizzeremo ugualmente il progetto culturale che abbiamo pensato. Ringrazio tutte le istituzioni che hanno contribuito al dossier».

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedentePalermo Capitale italiana della Cultura 2018: “Capitale delle culture, del dialogo e visione del futuro”
Articolo successivoIncontro del Gruppo consilare “Cambiare Partinico” e “Partinico Città d’Europa – Cantiere Aperto al Futuro”
Eva Calvaruso
Eva Calvaruso, classe 1984, vive ad Alcamo, spirito da ventenne e laurea in Economia. Animo hippie e fan sfegatata di Guccini. Curiosità, passione e una continua ricerca della verità l’hanno spinta a diventare una giornalista.