Maniaci indagato, “ma è solo fango”

3775

pino_maniaciIl noto direttore di Telejato indagato per estorsione, lui risponde “mai ricevuto avviso di garanzia”

Immaginiamo perfettamente i tanti “professionisti del disprezzo” oggi dinanzi alla notizia pubblicata da Repubblica. Pino Maniaci il direttore di Telejato indagato per estorsione. Saranno in tanti pronti a sparlare dell’antimafia. Lo faranno con la solita veemenza la stessa che mai hanno dedicato per parlare della mafia. Già perché questi “professionisti” raramente parlano di Cosa nostra. L’articolo su Repubblica è firmato da uno dei giornalisti più autorevoli e quindi siamo certi di ciò che ha scritto Francesco Viviano, c’è un’indagine della Procura di Palermo contro Pino Maniaci. Se fango c’è, non è quindi nell’articolo, pensiamo, ma in ciò che è dentro all’indagine e forse nemmeno per colpa di chi indaga. La vicenda l’abbiamo letta nell’articolo, Pino Maniaci avrebbe ammorbidito le cronache riguardanti le amministrazioni di Borgetto e Partinico, in cambio di soldi (ossia pubblicità) e assunzioni. Ci sarebbero intercettazioni operate dai carabinieri e pare anche conferme arrivate in sede d’interrogatorio da parte dei sindaci dei due Comuni, sentiti come persone informate dei fatti. Tutto accaduto sembra mentre Telejato conduceva con i suoi reportage una campagna d’informazione riguardante la gestione dei procedimenti di sequestro di beni da parte del Tribunale di Palermo, sezione guidata dal giudice Saguto. Storia questa che si è risolta con l’avvio di un’indagine “pesante” nei confronti del giudice (sospesa dalle funzioni e dallo stipendio dal Csm) e di quello che è stato definito il suo “cerchio magico” a cominciare dall’avv. Cappellano Seminara. Maniaci ha sempre scritto contro la mafia e le sue ramificazioni e nello stesso tempo ha ricevuto minacce e aggressioni. L’indagine odierna indubbiamente suscita sgomento. Maniaci ha replicato al suo solito modo, a muso duro: “E’ semplicemente assurdo. La procura di Palermo ipotizza il reato di estorsione nei miei confronti? Mi faccio una risata. L’inchiesta è nata nei mesi scorsi per bloccare la nostra campagna di stampa contro la gestione dei beni confiscati da parte dell’ex presidente delle misure di prevenzione del Tribunale di Palermo Silvana Saguto, di altri tre magistrati e dell’amministratore giudiziario, Gaetano Cappellano Seminara, tutti indagati per vari reati e costretti alle dimissioni. Ed è per questo che siamo finiti nel mirino della procura”. Per Maniaci “si tratta solo d’ipotesi di accuse smentite dai fatti, nei confronti dei sindaci di Borgetto e Partinico citati nell’indagine non ho mai avuto una linea morbida. E lo confermano i miei servizi giornalistici messi in onda quotidianamente contro la mala gestione amministrativa. Il sindaco di Borgetto, fra l’altro, si è costituito parte civile in un processo di diffamazione nei miei confronti. Inoltre per quanto riguarda l’altra ipotesi su posti di lavoro per miei familiari in cambio di favori è tutto falso. Tutta la mia famiglia è disoccupata. E’ tutto assurdo – conclude Maniaci – oltretutto io non ho ricevuto alcun avviso di garanzia. Quindi, c’è stata pure la violazione del segreto istruttorio”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteUna delegazione araba anche a Castellammare del Golfo
Articolo successivoSequestrati 80 kg di pesce al mercato ittico
Rino Giacalone
Rino Giacalone, direttore responsabile e cronista di periferia. Vive nel capoluogo trapanese sin dalla sua nascita. Penna instancabile al servizio del territorio e alla ricerca della verità.