La diocesi organizza appuntamenti per la preparazione al parto

1084

partoTRAPANI.Venerdì 19 febbraio, alle ore 16,00, alla Biblioteca Diocesana, palazzo del Seminario Vescovile, via Cosenza 90,  si terrà il secondo appuntamento del ciclo Lotus Lab;laboratori a sostegno di genitori e bambini.Si parlerà del parto, quell’indimenticabile momento a cui anche dopo molta preparazione sembra non giungere mai abbastanza pronti; ma  si  può andare incontro al parto con la consapevolezza del potere del proprio corpo di donna.Venerdì il  secondo appuntamento del ciclo “Lotus Lab – Incontri a sostegno della genitorialità e dell’accudimento del bambino nella prima infanzia”, dal titolo La nascita: capacità innate del corpo femminile durante il travaglio ed il parto, a cura di Annalisa Alesi e Biagio Pollina, entrambi ostetrici. Si parlerà di parto naturale in un ambiente accogliente e informale, dando spazio a domande e ad esperienze dirette, e mettendo al centro il benessere sia della donna sia del neonato. L’incontro è pensato oltre che  tutte le donne, mamme, gestanti e future mamme anche  per i  futuri papà. Durante l’incontro la biblioteca diocesana e la sua sezione per bambini “Il Piccolo Principe” saranno aperte e attive con i laboratori di lettura dalle ore 16.00-17.00 laboratori per bambini dai 3 ai 5 anni.L’ingresso è  libero. Tutte le  info su : lotuslabtrapani@gmail.com – 3280742017 Su facebook: Lotus Lab Trapani. Con il progetto Lotus Lab, la Fondazione Pasqua 2000 e la Biblioteca diocesana  vogliono offrire alle famiglie uno spazio aperto al dialogo e alla condivisione di esperienze e bisogni legati all’accudimento del bambino ,come ha spiegato la referente di LotusLab Giuseppina Vullo.  L’intento è di mettere  in relazione futuri genitori: madri, padri ed esperti, che interverranno sui temi selezionati in questo primo anno di attività, Lotus Lab vuole così  dar vita ad una “comunità di competenze”, a cui i genitori possano attingere e nel quale essi possano soprattutto sentirsi di “dare” come soggetti attivi.  Linguaggio accessibile,  stile colloquiale e l’opportunità per i partecipanti di condividere esperienze e dubbi, in una prospettiva che mette  al centro la persona e l’amore familiare parlando insieme di parto naturale, allattamento al seno, accudimento materno e relazione mamma-bambino, gioco e giocattoli, e alimentazione, sono le modalitàmesse in campo. Si parla tanto di famiglia, ma spesso come un concetto da tirare dentro una teoria o un’altra. Questo afferma don Liborio Palmeri direttore della Biblioteca diocesana . La famiglia odierna  vive grandi difficoltà perché i contesti in cui  si mettono al mondo i figli e in cui si fanno crescere sono molto cambiati. Come  ben sanno le giovani coppie, spesso lontane dalle famiglie di origine, intrappolate nella solitudine di un appartamento e  sole nel ripartire  le proprie attività con un bimbo da allevare.Da qui il bisogno di creare una comunità di sostegno. Lo scopo finale di Lotus Lab é proprio questo, con  incontri di formazione e  condivisione di esperienze.“Nel tempo e con l’esperienza ho capito che la nascita è la matrice della vita. Come un oleogramma, contiene in sé il tutto, e si manifesta quindi in tutta la polarità appartenente alla vita, in tutti i suoi spettri, con i suoi opposti e le sue compensazioni.”   da “Venire al mondo e dare alla luce”, diVerena Schmid, Urra, 2010.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteCadono dalle “nubi”!
Articolo successivoArrestato uomo per violenza sessuale e psicologica su una bambina e sulla convivente