“Fidas 30 anni insieme”: sabato al teatro Cielo D’Alcamo “Canto perché sono stonato”

1522

LOCAERNESTO30ALCAMO – Tutto pronto per la manifestazione “Fidas 30 anni insieme”, che vedrà come serata principale quella di sabato sera presso il Teatro Cielo d’Alcamo con lo spettacolo “Canto perchè sono stonato”.

Purtroppo, per motivi non dipendendenti dall’organizzazione è stata annullata la prima delle serate previste per il Trentennale della Fidas, che si sarebbe dovuta svolgere presso il Centro Congressi Marconi venerdi sera, ossia “Il Mio Nome è Pietro” il Monologo teatrale sul primo degli Apostoli rappresentato da Piero Ganci.

Rimane invece confermato lo spettecolo “Canto perché sono stonato” con Ernesto Maria Ponte e Antonio Zarcone Sextet che si terrà il 30 gennaio alle ore 20:30 presso il Teatro Cielo D’Alcamo.
Saranno proposte musiche cosiddette “Vintage”, ossia musica pop italiana anni 60, 70 e 80 (Carosone Buscaglione Ranieri Mina etc…etc…) con richiami di brani swing e jazz americani da Sinatra a Ray Charles, per finire anche ai nostri giorni con brani di Vinicio Capossela, Lucio Dalla, Pino Daniele Sergio Cammariere.
Non mancheranno anche brani di repertorio classico napoletano e classici siciliani arrangiati in chiave più moderna. Il tutto sarà alternato da altrettanti monologhi comici e momenti di sana ironia.
A prendere parte alla serata una band composta da sette elementi di grossa levatura artistica e professionale: batteria, chitarra, piano, basso, sax e tromba e una voce femminile a completare il tutto.
Per maggiori informazioni e per ritirare i biglietti per la serata è possibile contattare telefonicamente l’associazione allo 0924 26996 oppure recarsi direttamente presso la sede della Fidas in Via Francesco Mistretta n. 2.
CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteCommemorazione Strage della casermetta di Alcamo Marina. Foto e Video
Articolo successivoCon la salute e il lavoro non si scherza
Eva Calvaruso
Eva Calvaruso, classe 1984, vive ad Alcamo, spirito da ventenne e laurea in Economia. Animo hippie e fan sfegatata di Guccini. Curiosità, passione e una continua ricerca della verità l’hanno spinta a diventare una giornalista.