Processo voto di scambio Alcamo: si avvia la fase conclusiva

2822

Tribunale processoSi avvia alle battute finali il processo sul voto di scambio ad Alcamo riguardante le ultime amministrative del 2012. Sul banco degli imputati troviamo l’ex Senatore Nino Papania, il suo collaboratore Massimiliano Ciccia, l’attuale consigliere comunale Antonio Nicolosi, l’operaio Giuseppe Bambina, l’agricoltore Filippo Renda, il geometra Giuseppe Galbo e il pensionato Giuseppe Milana. L’accusa è quella di associazione a delinquere finalizzata al voto di scambio.

Secondo gli inquirenti, durante la scorsa campagna elettorale, tutti gli imputati si sarebbero prodigati per aumentare il “consenso” dell’ex Sindaco, Sebastiano Bonventre, e di alcuni consiglieri. Quest’ultimo, però, risulta essere estraneo alla vicenda, in quanto i fatti sarebbero avvenuti a sua insaputa.

Nella giornata di ieri, i pm Belvisi e Trinchillo, nel corso della loro requisitoria hanno definito le posizioni dei singoli imputati, confermando la sussistenza delle ipotesi accusatorie. Il giudice del Tribunale di Trapani, Lucia Fontana, ha poi rinviato il processo al 21 Gennaio per la conclusione della requisitoria dei pm e le richieste di condanna. Mentre, con molta probabilità, si ipotizza che si andrà a sentenza definitiva entro il mese di Febbraio e con essa si potrebbe finalmente chiudere un capitolo buio della città di Alcamo.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteMigliorano le condizioni di Leo
Articolo successivoL’associazione Antiracket e Antiusura alcamese incontra le scuole
Marcello Contento
Marcello Contento, nasce a Palermo nel 1982, vive la sua vita tra la Sicilia e la Toscana. Giornalista, insegnante di economia aziendale e lettore incallito di Tex e Alan Ford.